Repubblicani e democratici si accordano per non bloccare nuovamente l'amministrazione federale

Usa: accordo in Senato per evitare lo shutdown.

di Paolo Padoin - - Cronaca, Politica

WASHINGTON – Con l’ombra di un nuovo shutdown del governo federale che incombe su Washington a poco piu’ di 24 ore da una nuova scadenza, il Senato degli Stati Uniti ha raggiunto un accordo bipartisan sul budget che potrebbe scongiurare un’altra paralisi dell’amministrazione federale. E possibilmente aprire la strada al superamento dell’impasse al Congresso che ha innescato un braccio di ferro politico fino al coinvolgimento della Casa Bianca e del presidente Trump in persona.
L’intesa e’ stata annunciata proprio in questi termini dai leader della maggioranza repubblicana al Senato Mitch McConnell e della minoranza democratica Chuck Schumer. Un primo passo, appunto, che deve tuttavia superare il muro alzato alla Camera dall’ala progressista dem guidata dalla leader Nancy Pelosi ma anche da quella conservatrice tra i repubblicani. In particolare la prima chiede un impegno allo speaker, il repubblicano Paul Ryan, per un dibattito volto a sciogliere il nodo sull’immigrazione. Ovvero i fondi per il ”muro” e la sicurezza delle frontiere.
L’accordo – con l’obiettivo di tradurlo in tempi rapidi in testo quindi in legge alla firma del presidente – prevede un aumento dei limiti di spesa in aree ben precise. Stando ai primi dettagli trapelati si tratta 315 miliardi in due anni, fino a tutto il 2019. Di questi circa 90 miliardi sarebbero stanziati in aiuti per le vittime di disastri naturali, come i recenti uragani che hanno devastato intere aree del Paese. Uno dei
capitoli piu’ consistente riguarda poi la spesa militare, da cui l’intervento del capo del Pentagono in persona, James Mattis, chiamato a commentare l’accordo in sala stampa alla Casa Bianca.
Un altro shutdown del governo federale “sarebbe molto dannoso” per i militari americani, “paralizzerebbe quello che facciamo”, ha sottolineato Mattis, dicendosi quindi “ottimista” per un superamento dell”impasse alla luce del lavoro fatto a Capitol Hill. La Casa Bianca ”plaude” agli sforzi, parla di passi avanti, “ma dobbiamo vedere cosa c”e” nel testo finale” spiega la portavoce Sarah Sanders. Che pero’ alle domande su quello shutdown evocato nelle scorse ore dal presidente Donald Trump in persona glissa e rimanda la palla nel campo democratico: “Lo shutdown lo hanno voluto loro”. Sta di fatto che con l’intesa annunciata oggi il Senato ha in un certo senso bypassato il
presidente, disatteso le sue indicazioni per giunta, se si considera che solo ieri aveva tuonato: “Ben venga lo shutdown” se non si riuscira” a trovare un accordo con i dem per risolvere i problemi legati all”immigrazione.
Oggi pero’ Trump richiama nuovamente l’attenzione sull’Fbi e le ombre gettate sull’indipendenza del bureau federale, twittando: “I nuovi sms dell”Fbi sono una bomba!”. Si tratta di uno scambio di messaggi fra due agenti dell”Fbi risalente al settembre 2016 da cui emergerebbero presunte pressioni da parte dell’allora presidente degli Stati Uniti Barack Obama per aggiornamenti sull’inchiesta circa le email di Hillary Clinton allora candidata democratica per la presidenza Usa.

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.