Skip to main content

Benzina e gasolio: prezzi in aumento, gli italiani consumano di meno (-1-1%) ma spendono di più (+2,5%)

Stop alle pompe di benzina per lo sciopero dei gestori

ROMA – Sempre in aumento le spese degli italiani per l’acquisto di carburanti. In gennaio hanno speso 4,178 miliardi per acquistare benzina e gasolio auto. Rispetto allo stesso mese del 2017 vi è stata una crescita dell’1,3% per l’effetto di un calo dei consumi dell’1,1% e di un aumento dei prezzi del 2,5%.

In sostanza – commenta il Centro Studi Promotor nella sua nota mensile sulla spesa e i consumi di benzina e gasolio auto – gli italiani in gennaio hanno speso di più pur avendo consumato di meno. Il calo dei consumi è imputabile al rinnovamento del parco circolante in atto che ha fatto aumentare la quota dei veicoli più giovani. Questi veicoli hanno infatti consumi più bassi per effetto dell’innovazione tecnologica che sta fortemente riducendo il fabbisogno di carburanti non solo per ragioni economiche, ma anche per ragioni ecologiche dato che l’inquinamento è strettamente legato ai consumi.

Sul terreno della spesa il risparmio sui consumi è stato però vanificato dall’aumento dei prezzi alla pompa. Anche in gennaio i prezzi di benzina e gasolio auto hanno continuato ad aumentare secondo una tendenza delineatasi a metà 2017 dopo una fase di segno opposto.

“A febbraio la crescita dei prezzi sembra essersi arrestata”, informa Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor. “Nel mese in corso per la benzina si è passati da 1,573 euro nella prima settimana a 1,570 euro nella seconda e a 1,553 euro nella terza settimana, mentre per il gasolio la sequenza dei prezzi nello stesso periodo è stata 1,448 euro, 1,443 euro, 1,424 euro”.

benzina, gasolio, prezzi, spesa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741