Alcune questioni rimandate a fine anno

Pubblico impiego: conclusi i contratti di tutti i settori, si tirano i bilanci. Ma dal 2019 si ricomincia a trattare

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Lente d'Ingrandimento, Politica

Dopo che è arrivata l’intesa, preelettorale come le altre, anche sull’ultimo contratto pubblico, il quarto quello della Sanità, per completare definitivamente il quadro manca solo il rinnovo della dirigenza pubblica, ma se ne parlerà probabilmente dopo le elezioni.

Come abbiamo riferito ampiamente anche per il personale che lavora negli ospedali e nelle Asl, arriva un aumento che va da 80,50 euro fino a 94,80 euro, comprensivo del cosiddetto «elemento perequativo», la voce extra in busta paga che sarà corrisposta agli statali che guadagnano di meno per farli avvicinare il più possibile alla cifra pattuita nel 2016, alla vigilia del referendum costituzionale, di un aumento medio di 85 euro lordi mensili. I primi a vedere concretamente gli aumenti nei loro cedolini saranno i ministeriali, che dovrebbero incassare già questo mese gli arretrati per il 2016 e il 2017. Tra marzo e aprile tutti gli altri dipendenti pubblici riceveranno i soldi in busta paga.

Ma chi ha ottenuto di più dalla conclusione dei contratti? Gli incrementi maggiori complessivamente sono stati ottenuti dai vigili del Fuoco. Per loro, oltre ad un aumento medio mensile di 84 euro lordi per il rinnovo del contratto, arriveranno anche il riordino delle carriere con l’istituzione di un assegno «di specificità» come quello già pagato alle forze di polizia. Una voce che farà salire gli aumenti lordi in busta paga da un minimo di 167 euro lordi fino ad un massimo di 407 euro.

Per le forze di polizia e della difesa, gli aumenti andranno dai 125 euro di esercito, marina e aeronautica, ai 134 euro dei Carabinieri, passando per i 132 euro lordi mensili per la Polizia di Stato.

Per i professori del comparto scuola, le buste paga cresceranno da 80,40 fino a 110,7 euro a seconda delle anzianità di servizio.

Negli enti locali i dipendenti riceveranno tra 81 e 94,8 euro medi mensili in più. Per tutti arriveranno anche gli arretrati per il 2016 e il 2017, che oscillano tra i 400 e i 600 euro in media.

Sarà anche interessante capire nel tempo l’effetto macroeconomico che questa tornata di rinnovi contrattuali genererà sui consumi, sul prodotto interno lordo e sull’inflazione. In fin dei conti si tratta di un’iniezione di circa 5 miliardi e mezzo di euro nell’economia. Resta da definire ancora qualche questione che, col tempo, verrà nuovamente sollevata dai sindacati.  La prima riguarda proprio il cosiddetto «elemento perequativo», l’aumento extra riconosciuto ai redditi più bassi. Sarà corrisposto solo per dieci mesi, fino a dicembre di quest’anno. Significa che per un numero rilevante di statali, da gennaio del prossimo anno l’aumento mensile si ridurrà in media di una ventina di euro, ma ormai le elezioni saranno alle spalle.

Sicuramente questo delicato problema dovrà essere affrontato dal prossimo governo  nella futuraa manovra di bilancio. Anche perché i rinnovi firmati nell’ultimo mese, riguardano il contratto che decorre dal 2016 fino al 2018. Il prossimo anno, insomma, dovrà iniziare una nuova tornata contrattuale, sulla quale alcune indicazioni potrebbero arrivare già nel Documento di economia e finanza che il governo, quello Gentiloni se sarà ancora in carica o il prossimo, dovrà approvare ad aprile.

Per ora i sindacati manifestano soddisfazione. Susanna Camusso leader della Cgil ha sottolineato l’importanza del ripristino dei riposi nel contratto della Sanità. Annamaria Furlan ha parlato di «grande soddisfazione». «È un contratto particolarmente atteso volto a dare piena attuazione alle esigenze attese dalla categoria», ha aggiunto il segretario confederale della Cisl, Ignazio Ganga, responsabile del pubblico impiego. «Giustizia è fatta. Finalmente, dopo circa 10 anni, sono stati ripristinati i diritti contrattuali di tutti i lavoratori del pubblico impiego», ha detto invece il segretario della Uil Carmelo Barbagallo.

Almeno fino alla prossima tornata che non sarà molto distante.

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.