Debutto di Chiesa e Cutrone

Manchester: esordio negativo dell’Italia (0-2), dominata e battuta dall’Argentina senza Messi

di Paolo Padoin - - Cronaca, Top News

MANCHESTER – Nella prima gara dell’era Di Biagio gli azzurri in campo all’inizio tutti con la maglia n.13 e la scritta Astori durante l’esecuzione degli inni nazionali. Poi il minuto di silenzio per ricordare il calciatore scomparso prematuramente.

Il primo impegno dell’Italia dopo la mancata qualificazione ai Mondiali è un test con l’Argentina senza Messi, l’Italia con Federico Chiesa: sono le novita’ delle formazioni ufficiali dell’amichevole di Manchester. Sampaoli tiene in panchina il suo 10, che ieri aveva riportato un risentimento muscolare, e lo sostituisce con Lo Celso. Nell’italia esordio di Enrico Chiesa.

Per la sfida dell’Etihad, Di Biagio schiera: Buffon tra i pali, difesa a quattro con Florenzi, Rugani, Bonucci e De Sciglio, centrocampo con Parolo, Jorginho e Verratti. In attacco, invece, Chiesa ed Insigne ai lati dell’unica punta Ciro Immobile.

4-2-3-1 il modulo scelto da Sampaoli con Messi in panchina. In porta Caballero, con Mercado, Fazio, Otamendi e Tagliafico a comporre la linea difensiva. A centrocampo il rossonero Biglia agirà insieme con Paredes, mentre Lanzini, Lo Celso e Di Maria si muoveranno alle spalle dell’unica punta, Higuain.

Primi 45 minuti di chiara marca argentina, gli uomini di Sampaoli hanno tenuto il possesso palla per oltre il 60% del tempo. Gli azzurri non sono mai andati al tiro ma hanno tenuto a bada i biancocelesti grazie anche alle parate di Buffon, che proprio al 45′ devia il tiro di Higuain che si era presentato solo in area.

Nella ripresa buon avvio dell’Italia, con una grande occasione per Insigne che, solo davanti al portiere, sfiora il palo. Al 60′ Caballero esce e chiude lo specchio della porta a Immobile, che gli calcia sul petto. Al 62′ Il neo-entrato Candreva impegna subito il portiere Caballero. 68′ Altre due parate del portiere argentino, prima sul destro a giro di Insigne e subito dopo sul tiro da fuori area di Jorginho. L’Italia finisce qui, poi riprende la supremazia dei biancocelesti, oggi in blu, che segnano la prima rete al 75′ con un tiro non irresistibile di Banega, che sorprende Buffon.

Gli azzurri si lanciano in avanti alla ricerca del pareggio, ma all’85’  subiscono il raddoppio in contropiede grazie a un gran tiro da fuori area di Lanzini, smarcato da Higuain, che non lascia scampo a Buffon.

Comincia male dunque  Gigi Di Biagio. L’Italia perde 2-0 a Manchester con l’Argentina e gioca bene soltanto per i primi 20 minuti nella ripresa. Permangono i grossi problemi offensivi, Immobile non punge, Insigne è vivace ma sbaglia le conclusioni, Chiesa non ha avuto nessuno spunto degno di nota, così come Cutrone.

Tabellino
ARGENTINA (4-2-3-1): Caballero; Bustos (89′ Mercado), Otamendi, Fazio, Tagliafico; Paredes (64′ Banega), Biglia; Lanzini, Lo Celso (76′ Pavon), Di Maria (64′ Perotti); Higuain. CT Sampaoli.
ITALIA (4-3-3): Buffon; Florenzi (61′ Zappacosta), Bonucci, Rugani, De Sciglio; Parolo (61′ Pellegrini), Jorginho, Verratti (71′ Cristante); Chiesa (61′ Candreva), Immobile (74′ Cutrone), Insigne. CT Di Biagio.
GOL: 75′ Banega (A), 85′ Lanzini (A)
Arbitro: Atkinson (Inghilterra).

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: