Giudici di pace: lo sciopero continua fino al 6 maggio. Nella prima settimana saltati 200.000 processi

ROMA – E’ cominciata la seconda settimana dello sciopero di un mese dei giudici di pace, che si prolungherà sino al 6 maggio. E «già 200.000 processi – fa sapere una delle organizzazioni di categoria, l’Unione nazionale dei giudici di pace- sono in stand-by dopo una sola settimana di sciopero. In attesa della formazione di un nuovo Governo continua l’incostituzionale opera di attuazione della controriforma della magistratura onoraria e di pace voluta dall”ormai sfiduciato Ministro Andrea Orlando,  una riforma concertata con l’ANM senza tenere in alcun conto le
richieste della categoria, calpestando i diritti dei cittadini ad un processo celere dinanzi a un giudice professionale e
terzo, violando tutte le raccomandazioni e decisioni della Corte di Giustizia Europea, della Commissione Europea, del Parlamento Europeo e del Comitato Europeo dei Diritti Sociali».
A breve la Corte di Giustizia Europea si pronuncerà specificamente sulla questione dei giudici di pace e dei
magistrati onorari italiani, e già la Commissione Europea, sia in sede di procedura di preinfrazione, sia dinanzi alla Corte di Giustizia Europea, si è pronunciata contro l’Italia per la manifesta violazione dalla direttiva comunitaria sul lavoro a tempo determinato e delle altre direttive di tutela del lavoro.
Gli scioperi continueranno «finche l’aberrante riforma Orlando non sarà cancellata o integralmente rivista, previa
stabilizzazione dei magistrati in servizio alla stregua della legge 217 del 1974 sui vice pretori onorari».

giudici pace, giustizia, ministero, sciopero


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080