Giovedì 19 aprile alle 20

Firenze: al Cinema Adriano si proietta il «Don Pasquale» di Donizetti in diretta dal Teatro alla Scala

di Roberta Manetti - - Cinema, Cultura

Ambrogio Maestri nei panni di «Don Pasquale» (foto Marco Brescia & Rudy Amisano)

FIRENZE – Al Cinema Adriano di Firenze (via Romagnosi, 46) giovedì 19 aprile alle 20 si può vedere l’opera buffa «Don Pasquale» di Gaetano Donizetti in diretta dal Teatro alla Scala.

Il direttore è Riccardo Chailly, la regia di Davide Livermore. Protagonisti Ambrogio Maestri nel ruolo di Don Pasquale, Rosa Feola nei panni di Norina, René Barbera al debutto scaligero come Ernesto, Mattia Olivieri come Malatesta e Andrea Porta nella parte del Notaro. Le scene sono dello stesso Livermore e di Giò Forma, i costumi di  Gianluca Falaschi, le luci do Nicolas Bovey e i video di D-Wok. Versione integrale, nella revisione secondo la partitura autografa di Piero Rattalino

Le scene sono dello stesso Livermore e di Giò Forma, i costumi sono realizzati da Gianluca Falaschi, le luci da Nicolas Bovey e i video da D-Wok. Protagonisti sono Ambrogio Maestri come Don Pasquale, Rosa Feola come Norina, René Barbera al debutto scaligero come Ernesto, Mattia Olivieri come Malatesta e Andrea Porta nella parte del Notaro. L’opera è proposta senza tagli, nella revisione secondo la partitura autografa di Piero Rattalino, edita da Casa Ricordi.

Lo stagionato Don Pasquale si oppone al disegno del nipote ed erede Ernesto di sposare la vedova Norina, spiantata, invece della ricca e nobile zitella che gli propone lui e, un po’ per picca un po’ per bollenti spiriti residui, vuol prender moglie e generare gli eredi mancanti. Malatesta, il medico di famiglia, gli propone la sorella appena uscita dal convento, ingenua e vergognosa. Il vecchio abbocca e naturalmente è Norina travestita, che, appena firmato il finto contratto di nozze (che Ernesto crede vero, disperandosi), diventa una jena petulante e spendacciona, oltre che titrosissima col marito, che vuol mollare da solo la sera delle nozze per andare a teatro. Dopo altre peripezie e stratagemmi (tutto in poche ore), il vecchio esasperato è ben felice di tornare sui suoi passi e dare a Ernesto il permesso di sposare Norina senza diseredarlo.

Multisala Adriano Firenze

www.cinemaadriano.it

Tag:, , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: