Lavoro, Toscana: nasce l’Agenzia regionale per l’impiego

FIRENZE – Si chiamerà Arti (Agenzia regionale toscana per l’impiego) il nuovo modello toscano per i servizi all’impiego. L’agenzia coordinerà l’attività dei 53 centri presenti su tutto il territorio regionale. Lo prevede la legge, proposta dalla Giunta e firmata dagli assessori al lavoro e al personale, Cristina Grieco e Vittorio Bugli, approvata a maggioranza dal Consiglio regionale con l’astensione di M5s e Lega Nord e il voto contrario di Fdi.

Il nuovo modello prevede il mantenimento in capo alla Regione di programmazione, monitoraggio e analisi delle politiche del lavoro e la definizione degli interventi finanziati attraverso fondi comunitari, nazionali e regionali. Arti avrà anche la gestione della rete regionale dei centri per l’impiego e delle misure di politica attiva e dei servizi erogati a cittadini e imprese. Come illustrato in aula dal presidente della commissione affari istituzionali, Giacomo Bugliani, il provvedimento risponde a quanto indicato a livello nazionale dalla legge 205/2017, secondo cui entro il 30 giugno prossimo deve essere completata la “transizione in capo alle Regioni delle competenze gestionali in materia di politiche attive del lavoro esercitate attraverso i centri per l’impiego”. Con l’agenzia verranno trasferiti i 413 dipendenti delle Province e della Città Metropolitana che lavorano nei centri per l’impiego e che da gennaio scorso sono già in prestito alla Regione, e si provvederà entro un anno a stabilizzare il personale a tempo determinato in possesso di precisi requisiti

agenzia, impiego, regione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080