L'inchiesta di un periodico nazionale

Migranti: operazione Pontus le navi irlandesi li portano tutti in Italia. Sottoscritta dai governi di sinistra

di Paolo Padoin - - Cronaca, Politica, Top News

ROMA – Un’indagine condotta dai giornalisti del periodico «Il Primato nazionale» ha condotto a conseguenze a dir poco strabilianti.

Afferma Francesca Totolo nel suo articolo: «Sappiamo che Renzi ha sottoscritto l’Operazione europea Sophia, che conduce tutti i migranti nei porti italiani, ma pochi conoscono gli accordi segreti sottoscritti bilateralmente dallo stesso Premier Renzi e poi da Gentiloni e con gli omologhi di altri Paesi, per assicurarsi che tutti gli immigrati raccolti in mare fossero portati solo ed esclusivamente in Italia. Nel mediterraneo, ancor prima che l’Irlanda aderisse all’operazione citata, una nave della Marina Militare Irlandese faceva la spola tra la zona SAR libica e i porti siciliani con una frequenza alquanto sospetta. Dublino non era allora inclusa nella missione europea di Frontex, EUNAVFOR MED Operazione Sophia, che prevedeva come attività collaterale il soccorso delle imbarcazioni dei migranti in pericolo sotto il coordinamento di MRCC di Roma.

E’ stata così scoperta l’esistenza di una sconosciuta Operazione Pontus, un patto bilaterale stilato nel 2015 che ha coinvolto il Governo italiano di Renzi (poi riconfermato da Gentiloni) e quello irlandese, indipendente dai dispositivi europei. L’accordo, taciuto ai cittadini italiani e senza nessuna menzione sui siti istituzionali del Governo, prevedeva che gli immigrati trasbordati sulle navi della Marina Militare irlandesi in zona SAR libica venissero sbarcati nei porti italiani. Nessun organo della stampa nazionale ha mai documentato gli sbarchi delle navi irlandesi seppur avvenissero tutti regolarmente a Catania, e, allo stesso tempo, nessuno ha mai accennato ad Operazione Pontus.

In Irlanda invece sia i siti istituzionali governativi sia la stampa nazionale hanno documentato orgogliosamente i salvataggi dei 18 mila migranti portati in Italia dalle navi militari LÉ Samuel Beckett, LÉ Niamh, LÉ James Joyce, LÉ Roisin, LÉ Eithne e LÉ William Butler Yeats, che si sono avvicendate per 3 anni nel Mediterraneo.

Alle domande della giornalista che aveva effettuato l’inchiesta, il Governoi italiano ovviamente non ha risposto, mentre il Governo irlandese ha scritto: «L’invio delle navi della Marina Militare Irlandese per intraprendere attività di ricerca e salvataggio umanitario nel Mediterraneo è implementato nell’ambito di un accordo bilaterale con il governo italiano. L’accordo bilaterale è stato istituito per la prima volta nel maggio 2015 e confermato nel 2016 e nel 2017. Il coordinamento delle operazioni di ricerca e salvataggio e la conseguente fornitura di assistenza umanitaria, avviene grazie alla stretta collaborazione con le autorità italiane competenti e i migranti salvati sono stati tutti portati nei porti siciliani».

L’Operazione Pontus è terminata lo scorso agosto in seguito all’entrata dell’Irlanda nella missione europea Operazione Sophia.

Tag:, ,

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: