Pisa: caso Scieri, l’ex caporale arrestato respinge le accuse e afferma che non voleva fuggire

PISA – Alessandro Panella, l’ex caporale arrestato nei giorni scorsi con l’accusa di omicidio volontario in concorso per la morte di Emanuele Scieri, avvenuta il 13 agosto 1999 nella caserma Gamerra di Pisa, è stato oltre un’ora stamani a palazzo di giustizia per l’interrogatorio di garanzia davanti al gip Giulio Cesare Cipolletta.
L’indagato, finito ai domiciliari nell’abitazione di famiglia di Cerveteri (Roma), è arrivato in auto insieme ai suoi avvocati ed è entrato in tribunale da un ingresso secondario. Per quasi un’ora e mezzo è rimasto dentro, con il tribunale che ha disposto temporaneamente il divieto di accesso ai giornalisti.
«Io con la morte di Scieri non c’entro niente e non è vero che volevo fuggire, ma semplicemente
avevo programmato il rientro nel Paese dove vivo e lavoro». E’ quanto avrebbe detto in una breve dichiarazione spontanea resa davanti al gip, Alessandro Panella, l’ex caporale arrestato con
l’accusa di omicidio volontario in concorso per la morte di Emanuele Scieri. Lo si è appreso da ambienti vicini all’inchiesta.
Panella dopo queste poche parole ha scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere nel corso dell’interrogatorio di garanzia davanti al gip Giulio Cesare Cipolletta. I suoi difensori, Tiziana Mannocci e Marco Meoli, stanno preparando il ricorso al tribunale del riesame per chiedere la revoca o l’attenuazione della misura cautelare.

Nel pomeriggio in procura è fissato l’interrogatorio del sottufficiale dell’esercito Andrea Antico, indagato anche lui per omicidio volontario in concorso con Panella e Luigi Zabara.

arrestato, caporale, scieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080