Riforme: taglio parlamentari e referendum propositivo, le propone il governo gialloverde

Il voto alla Camera

ROMA- Taglio del numero dei parlamentari e referendum propositivo sono al centro delle prime due proposte di riforma costituzionale presentate da M5s e Lega in attuazione del programma di governo. Le proposte sono state illustrate dai capigruppo di M5s e Lega di Camera e Senato, nonché dal ministro per le riforme Riccardo Fraccaro, il vicepremier Luigi Di Maio e dal vicepresidente del Senato Roberto Calderoli. Resta nel limbo la legge elettorale che dovrà essere confezionata per delle Camere con un numero minore di deputati e Senatori.
La prima delle due riforme Fraccaro sforbicia il numeri dei deputati da 630 a 400 e dei Senatori da 315 a 200. L’enfasi è stata portata sui risparmi che porterà: «il più grande taglio ai costi della politica della storia d’Italia», ha detto. Il taglio allinea il numero dei parlamentari eletti a quello degli altri Paesi europei: in questi tuttavia (Francia, Germania, Gran Bretagna) la Camera elettiva è molto più numerosa, mentre c’è un Senato composto da rappresentanti degli Enti locali, e non c’è il nostro bicameralismo perfetto, che invece M5s e Lega mantengono. La doppia lettura per noi rimane centrale ha detto Luigi Di Maio. Nella conferenza stampa non è stato chiarito come
procedere con la legge elettorale. Una volta approvato il taglio, cosa accade se non è stata approvata una nuova legge
elettorale? E in caso di urne anticipate?
Totalmente innovativa l’introduzione del referendum propositivo, che rafforza la democrazia diretta, come ha
sottolineato il ministro per i rapporti col Parlamento. La riforma stabilisce che se una proposta di legge di iniziativa
popolare è appoggiata da 500 mila firme, essa deve essere votata dalle Camere entro 18 mesi. Se queste la approvano senza modifiche, essa diventa legge dello Stato; se invece la modificano, spetta al Comitato promotore valutare se ritenersi comunque soddisfatto o chiedere un referendum sui due testi.
L’altra novità, che vale anche per i referendum abrogativi, è la cancellazione del quorum, che impedisce di farli fallire
puntando sull’astensione. «I cittadini sono chiamati a partecipare, perché la democrazia è partecipazione», ha detto
Fraccaro. In arrivo anche una terza proposta con l’abolizione del Cnel, cosa che ha portato Maria Elena Boschi e Matteo Renzi a ironizzare, visto l’abolizione di questo ente era uno dei punti della loro riforma. E anche Forza Italia, con Mara Carfagna, boccia le riforme pasticciate dal sapore propagandistico» in salsa gialloverde.

Fraccaro, gialloverde, riforme


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080