Era la moglie del mitico Salvatore

E’ morta Wanda Ferragamo. Lutto per la moda e Firenze

di Gilda Giusti - - Cronaca, Economia, Eventi, Primo piano, Top News

FIRENZE – E’ morta nel pomeriggio di oggi, 19 ottobre, a Fiesole (Firenze) Wanda Miletti Ferragamo. Era la vedova di Salvatore, mitico fondatore della maison e famosissimo fabbricatore di scarpe per le dive. Wanda aveva 96 anni, era presidente onorario della Salvatore Ferragamo SpA, e aveva accompagnato il marito nella grande avventura, ossia la scalata ai vertici della moda mondiale. Lui, che era stato anche emigrante in America, la conobbe durante uno dei suoi ritorni al paese natale, Bonito, in provincia di Avellino. Nella biografia di Salvatore Ferragamo (scomparso nel 1960, a soli 62 anni), infatti, si legge: «In visita ai parenti rimasti a Bonito, conobbe quella che in pochi minuti capì sarebbe diventata sua moglie. Lui aveva già quarant’anni, ventitrè più di quella ragazzina, figlia del medico condotto e sindaco del paese, su cui aveva messo gli occhi. Ma non aveva avuto dubbi: subito dopo averle stretto la mano, si era girato verso la sorella che lo accompagnava e, in inglese, per non farsi capire, aveva detto: Questa ragazza diventerà mia moglie. Successe proprio così, tre mesi dopo. Per conquistarla, nel caso ce ne fosse stato bisogno, le mandò mazzi di fiori (prima le tuberose, poi le rose rosse) e confezionò per lei, dopo averle preso le misure, un paio di scarponcini in camoscio nero con il tacco di 7 centimetri. Alla morte di Salvatore, nel 1960, priva di qualsivoglia esperienza manageriale, è stata lei che ha preso in mano le redini dell’azienda e ha consentito non solo che sopravvivesse, ma che si ingrandisse» (Donatella Bogo).

Salvatore Ferragamo

Il mitico fondatore della maison, Salvatore Ferragamo

 Si sfilò la scarpa davanti al futuro marito e la calza era bucata, ma era un buco minuscolo, invisibile: «non compromise, quella calza di seta “forata in punta”, l’idea che il signor Ferragamo si era fatto della signorina Miletti» (Raffaella Polato) [Cds 5/8/2010].

• «Il 9 novembre, mi portò all’altare a Napoli. Passammo la prima notte di nozze sul terrazzo dell’albergo Vittoria di Sorrento”. Molto romantico. “Macché romantico! Bombardamento alleato su Napoli. Rimanemmo lì a guardare i fuochi e a pregare per i parenti alloggiati all’hotel Excelsior”» (a Stefano Lorenzetto) [Pan 8/3/2007].
• «Di Salvatore parla ancora da innamorata: “Era bassetto, non certo un adone ma che personalità, che inventiva! È caduto, s’ è ripreso, vedeva prima di tutti e più lontano” (Gian Luigi Paracchini) [Cds 1/3/2010].

• Sei figli (Ferruccio, Leonardo, Massimo, Fiamma, Giovanna, Fulvia). «Salvatore morì in luglio; il più piccolo dei nostri sei figli, Massimo, aveva due anni. Vivevamo nell’agio, avrei potuto crescere i miei figli senza preoccupazioni e senza farmi carico dell’azienda. Ma pensavo alle maestranze che lavoravano per noi, e conoscevo i progetti di Salvatore, non volevo tradirli. Così il primo di settembre la fabbrica riaprì regolarmente; gli operai ancora non sapevano che Salvatore era morto».

• Presidente onorario della Salvatore Ferragamo, guida «un “clan” che ha raggiunto la settantina di componenti e le cui età abbracciano tutto l’arco della vita. (…) Per sé ha mantenuto la funzione di equilibrio, anche azionario, tra i figli. Un ruolo delicato ed essenziale in una famiglia che, pur così estesa, finora non ha registrato grandi scossoni» (Maria Silvia Sacchi) [Cds 3/12/2012].

• Tre regole per l’armonia familiare in azienda: nessuna differenza economica tra i figli e tra maschi e femmine («mio marito aveva vissuto per tanti anni negli Stati Uniti e ne aveva assorbito la cultura»); limitare l’ingresso delle nuove generazioni; far circolare le informazioni: «Anche chi non lavora nel gruppo dev’essere informato, non ci sono remore che tengano. Per questo ci ritroviamo ogni anno in un luogo tranquillo, dove possiamo confrontarci e trasmettere ai nipoti il senso della Ferragamo» (Sacchi, cit.).

• Nel suo ufficio conserva l’onorificenza della regina Elisabetta: «Deve naturalmente portare solo scarpe inglesi, ma una sua dama ha la stessa misura e per lei le facciamo: chissà poi chi le indossa davvero» (Polato, cit.).

FAMIGLIA – «Con immenso dolore, insieme ai nostri figli e alla famiglia tutta vogliamo comunicarvi la scomparsa di nostra madre Wanda Miletti Ferragamo e condividere con voi il ricordo della sua straordinaria persona. I suoi preziosi insegnamenti e la sua memoria saranno per tutti noi un esempio di rettitudine e di grande passione per la vita». Con queste parole Giovanna, Ferruccio, Leonardo e Massimo Ferragamo hanno comunicato a tutti i dipendenti Italia e mondo l’improvvisa scomparsa di Wanda Ferragamo.

ENRICO ROSSI –  «Con dolore ho appreso della morte di Wanda Ferragamo Miletti. Rivolgo innanzitutto alla famiglia, agli amici e a tutte le persone che hanno collaborato con lei nel corso degli anni, le mie profonde e sincere condoglianze. Con la sua scomparsa perdiamo una donna che, con tenacia e passione, ha contribuito a tenere in alto il nome della Toscana e dell’Italia in tutto il mondo». Con queste parole il presidente della Regione Enrico Rossi ha espresso, in un telegramma alla famiglia, il cordoglio suo e della giunta regionale per la morte di Wanda Ferragamo, vedova di Salvatore Ferragamo e presidente onorario della Salvatore Ferragamo Spa.

DARIO NARDELLA – «Non dimenticheremo mai la tenacia, la passione e la visione di una donna unica come Wanda #Ferragamo che ha portato la bellezza e la creatività da
Firenze in tutto il mondo. Il mio abbraccio alla sua splendida famiglia». Così il sindaco di Firenze, Dario Nardella, su twitter ha salutato Wanda Ferragamo, la vedova di Salvatore,

Alla famiglia Ferragamo le più sentite condoglianze del direttore, Sandro Bennucci, e di tutta la redazione di Firenze Post

 

 

Tag:, , , ,

Gilda Giusti

Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: