Importante riconoscimento

Rimini: premio alla polizia municipale di Firenze per attività antiabusivismo

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia

RIMINI – La Polizia Municipale di Firenze vincitrice del prestigioso premio per il miglior progetto realizzato in risposta al problema dell’abusivismo commerciale. La consegna è avvenuta durante la cerimonia che si è svolta a Rimini nel corso della XXXV Assemblea Nazionale Anci. A ritirare il premio l’assessore alla sicurezza urbana e Polizia Municipale Federico Gianassi, il comandante Alessandro Casale, l’ispettore Alessandro Belardi responsabile del reparto Antidegrado e due agenti dello stesso reparto (Vincenzo Vittozzi e Emanuele Saponaro) in rappresentanza di tutti i colleghi impegnati ogni giorni nel contrasto all’abusivismo commerciale.
Il riconoscimento è stato assegnato a seguito della valutazione delle candidature da parte di una commissione appositamente costituita con la partecipazione del Ministero dell’Interno. Per la sezione “miglior progetto” è stata premiata l’azione della Polizia Municipale fiorentina durante il 2017 sull’abusivismo commerciale. Il progetto, avviato ad inizio marzo e concluso a fine ottobre 2017, prevedeva l’utilizzo di pattuglie in borghese su tutta l’area Unesco. In media si trattava di 30 agenti e tre ufficiali al giorno, appartenenti a sei reparti territoriali diversi, supportati da quattro auto di pronto intervento. Per massimizzare l’efficacia del servizio, le pattuglie hanno operato sul territorio con orari e modalità flessibili in modo da adattarsi ai differenti comportamenti dei venditori abusivi. Molto significativi i risultati del progetto: 4.236 sequestri, dei quali 158 penali, con una media di quasi 21 sequestri al giorno, e 174.539 pezzi sequestrati, fra questi 1.698 di natura penale, con una media giornaliera di quasi 850 pezzi. Un’azione che si è tradotta in una riduzione dei venditori abusivi in centro storico.

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.