La denuncia del sindacato Osapp

Solliciano: detenuto telefona dalla cella con un piccolo cellulare

Carcere di Sollicciano, troppi detenuti
Carcere di Sollicciano, troppi detenuti
Carcere di Sollicciano

FIRENZE – Se n’è accorto un agente della polizia penitenziaria: durante un normale controllo ha sorpreso un detenuto albanese che, dall’interno della cella, conversava al telefono con persone sterne al carcere attraverso un cellulare di piccole dimensioni. La vicenda è emersa grazie al sindacato Osapp, che con il segretario generale Leo Beneduci commenta: «E’ sempre e solo la polizia penitenziaria che riesce a disimpegnare fino in fondo il proprio dovere con sacrificio e in precarietà di organico e di risorse, continuando a mantenere integre le condizioni di sicurezza e di legalità interne alle carceri, a Firenze come
altrove, andando ad individuare con perizia strumenti che possono minare la sicurezza della collettività esterna quali ed appunto i telefoni cellulari».

«E’ peraltro urgente domandarsi, – prosegue Beneduci – rispetto a strutture penitenziarie in cui il rinvenimento di telefoni cellulari ed altro è ormai all’ordine del giorno, per i quali da tempo denunciamo una sorta di supremazia dei detenuti nei confronti del personale e dell’istituzione, quali accorgimenti e quali misure siano stati adottati da parte degli organi preposti come il Provveditore Regionale, atteso che non risultano ad oggi, nonostante il ripetersi dei gravi episodi interventi significativi».

detenuto, Osapp, Sollicciano


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
Scrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080