Firenze: nipoti di Luigi Cherubini firmano l’appello per il rimpatrio delle spoglie

Le nipoti di Luigi Cherubini in Santa Croce

FIRENZE – Dante è sempre a Ravenna, ma Luigi Cherubini potrebbe, chissà, tornare da Parigi a Firenze, per essere onorato e sepolto in Santa Croce. Anche le ultime discendenti di Luigi Cherubini hanno firmato l’appello al presidente della Repubblica Sergio Mattarella per il rimpatrio delle spoglie del compositore fiorentino, custodite a Parigi (dove morì nel 1842). Rilanciato da Riccardo Muti al Maggio musicale Fiorentino, l’appello, che chiede di portale le spoglie di Cherubini nella Basilica di Santa Croce a Firenze, ha già raccolto oltre 35 mila firme.

Patrizia Ottolini e Monica Ricci, nipoti del paroliere e musicista Bixio Cherubini, a sua volta pronipote di Luigi, hanno visitato il cenotafio dell’antenato in Santa Croce e si sono dette «entusiaste dell’iniziativa alla quale hanno aderito con emozione e orgoglio». L’appello è stato firmato, tra gli altri, dal direttore del Maggio, Fabio Luisi, del sindaco Dario Nardella e del sovrintendente del Maggio, Cristiano Chiarot che si è detto molto contento che le discendenti del compositore abbiano aderito all’iniziativa perché rappresentano per la causa due delle firme più importanti.

Luigi Cherubini, nipoti, Presidente Mattarella


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080