Prostituzione: Salvini vuole riaprire le case chiuse

Matteo Salvini

ROMA – Annuncio forte, se non scioccante, di Matteo Salvini: «Ero e continuo a essere favorevole alla riapertura delle case chiuse. Non c’è nel contratto di governo, perché i 5S non la pensano così, però io continuo a ritenere che togliere alle mafie, alle strade e al degrado questo business, anche dal punto di vista sanitario e che il modello austriaco sia quello più efficiente».

Salvini ha fatto questa dichiarazione a margine della cerimonia di consegna di Costa Venezia, a Monfalcone, rispondendo a una domanda specifica. Subito dopo, però, Salvini ha frenato sull’argomento, scherzando con i giornalisti: «Non aggiungiamo però problema a problema – ha concluso Salvini – chiudiamo prima quelli aperti prima di riaprire le case chiuse».

case chiuse, matteo salvini, prostituzione


Ernesto Giusti


Commento

  • Ma la prostituzione in Italia è già tassata; questo ai sensi dell’articolo 36 comma 34bis della Legge 248/2006, come chiarificato dalla Cassazione con le Sentenze n. 10578/2011, 18030/2013, 7206/2016, 15596/2016 e 22413/2016. Il Codice relativo è 96.09.09 “Altre attività di servizio per la persona non classificabili altrove”.
    Cosa aspettano i sex workers ad aprire la partita IVA e pagare le tasse in merito, rilasciando la ricevuta fiscale ad ogni rispettivo cliente?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080