La società può rischiare anche l'esclusione dal campionato

Basket Siena: giocatori in sciopero. Niente partita. Sono senza stipendio da due mesi

di Gilda Giusti - - Cronaca, Economia, Sport

La Mens Sana Siena vince la Supercoppa di basket 2013-2014

Una foto storica: la Mens Sana Siena vinse la Supercoppa di basket 2013-2014

SIENA – La squadra della Mens Sana Basket non si presenterà oggi, 10 marzo, a Legnano per disputare la partita valida per la 24/a giornata del campionato di serie A2, rinunciando alla trasferta. La società lo ha comunicato con una nota spiegando che non è stato raggiunto il numero minimo utile di giocatori per poter scendere in campo. Tra gennaio e febbraio erano andati via durante la finestra di mercato cinque elementi (Poletti, Morais, Pacher, Prandin, Marino) che facevano parte della squadra che aveva iniziato il campionato. Gli altri, senza stipendio da due mesi, si sono affidati ai propri avvocati per tutelare i loro interessi e hanno deciso da martedì scorso di incrociare le braccia, in attesa di vedersi riconosciute le proprie spettanze.

La Mens Sana li aveva comunque convocati per la gara odierna, senza però ricevere risposta positiva. L’alternativa era andare a Legnano con i ragazzi delle squadre giovanili, per una partita che avrebbe potuto assomigliare a quella nel calcio tra Cuneo e Pro Piacenza. Ma la società ha scelto di rinunciare del tutto alla trasferta. Il giudice sportivo sancirà la vittoria per 20-0 a favore di Legnano e potrebbe decidere pure di infliggere un punto di penalizzazione alla Mens Sana. La partita di basket tra Legnano e Siena, valida per la 24/a giornata, era in programma stasera alle 18. La decisione di non andare è stata comunicata
ufficialmente stamani, attorno a mezzogiorno, ma già verso mezzanotte la notizia della rinuncia aveva iniziato a circolare in città. Siena e Legnano sono rispettivamente terzultima e penultima nel girone Ovest della serie A2, distanziate da sette punti.

Per effetto del 20-0 a tavolino in favore di Legnano, che sarà sancito dal giudice sportivo, il divario si ridurrà a cinque punti. Ma il gap potrebbe essere ancora più ridotto,
perché Siena potrebbe subire un altro punto di penalizzazione per la rinuncia alla partita (pena accessoria), più un altro punto per non aver rispettato i tempi per la presentazione delle liberatorie dei pagamenti del trimestre ottobre-dicembre, portando quindi il totale dei punti da scontare a cinque. Inoltre emerge un altro problema ben più grave per la società toscana: il 5 marzo sono scaduti i termini per il pagamento
della quinta rata federale. Se non si provvederà entro martedì 12 scatterà un”altra penalizzazione di tre punti, mentre se si andrà oltre martedì 19 la squadra sarà esclusa dal campionato. E a quel punto il fallimento della società rischierebbe di essere inevitabile.

Tag:, ,

Gilda Giusti

Gilda Giusti

Redazione Firenze Post
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: