Le richieste di Salvini

Sea Watch: aperto lo scontro con l’Olanda, Salvini detta alla Ue le condizioni dello sbarco

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica, Primo piano

La Sea Watch davanti al porto di Lampedusa

ROMA – In risposta alle richieste dell’Italia, il Governo olandese ha fatto sapere che, mentre i Paesi Bassi si assumono la responsabilità sul fatto che la barca batte bandiera olandese, ciò non significa che prenderemo anche i migranti: lo afferma il ministro olandese delle migrazioni, Ankie Broekers-Knol.

A stretto giro, arriva la replica del ministro dell’Interno, Matteo Salvini: «Con il governo olandese non finisce qui. Se ci fosse una nave italiana che si fa gli affari suoi davanti al porto di Rotterdam, vorrei vedere cosa direbbero, ha aggiunto, ribadendo che chi aiuta i trafficanti di esseri umani ne paga le conseguenze».

Il ministro inoltre, in merito al caso della nave Sea Watch 3 bloccata fuori al porto di Lampedusa, secondo quanto riporta Il Corriere della Sera, avrebbe imposto che i migranti vengano distribuiti nei Paesi dell’Unione Europea senza essere registrati in Italia, in cambio dell’autorizzazione allo sbarco.

Il prefetto di Agrigento potrebbe ancora disporre il sequestro della nave appellandosi al decreto sicurezza. Stando alla normativa del 15 giugno, il fermo può scattare solo in seguito alla ripetuta violazione del divieto di ingresso; pertanto, la strada che si sta seguendo è quella di imputare alla comandante della Sea Watch non soltanto l’ingresso nelle acque italiane di mercoledì, ma anche l’avvicinamento al porto di Lampedusa, manifestando l’intenzione di far toccare terra ai profughi “anche a bordo di gommoni, perché non ce la fanno più”.

Secondo quanto riporta l’Ansa, ieri sera un uomo e un minore sono stati fatti sbarcare a causa di un’emergenza medica. Sea Watch replica: «Intanto alla nave è tuttora negato l’ingresso in porto e lo sbarco delle 40 persone ancora a bordo». Sullo sfondo, lo scontro tra Salvini e l’Olanda è ancora aperto.

Intanto la Guardia di finanza ha consegnato, come apprende l’Adnkronos, l’informativa sulla nave Sea Watch alla Procura di Agrigento, che aveva già ricevuto l’esposto contro il Governo inviato dai legali della nave Ong. Si attendono per oggi sviluppi giudiziari sulla questione, anche se Patronaggio e i suoi si sono espressi chiaramente in passato.

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.