Sea Watch: Cardinale Parolin, salvare vite umane è la stella polare

Il Cardinale Segretario di Stato della Santa Sede, Pietro Parolin, e il Direttore di Avvenire, Marco Tarquinio

POTENZA – «La concretezza, cioè avere davanti i volti dei sofferenti; l’attenzione alle periferie, superando la visione eurocentrica; e la proattività, cioè l’azione di prevenzione fin dove è possibile»: sono queste le caratteristiche della diplomazia della Santa Sede con Papa Francesco. Le ha descritte in serata a Potenza – rispondendo alle domande del giornalista Gianni Cardinale, a conclusione della festa del quotidiano cattolico Avvenire – il Segretario di Stato della Santa Sede, Cardinale Pietro Parolin. «La ricerca della pace – ha spiegato – è l’obiettivo della diplomazia, una pace globale nell’ordine della giustizia per la diplomazia vaticana».
Parolin ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano del caso Sea Watch:  «io credo che la vita umana va salvata in qualsiasi maniera, ecco. Quindi quella deve essere la stella polare che ci guida, poi tutto il resto è secondario», e ha affrontato molti temi nella conversazione, nella quale sono intervenuti anche il Direttore di Avvenire, Marco Tarquinio, e l’arcivescovo di Potenza, monsignor Salvatore Ligorio.

Parolin, sea watch, vite umane


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080