Skip to main content

Livorno, Poste centrali: non era una bomba ma bagnoschiuma. Le indagini

Artificieri in azione a Livorno

LIVORNO – Paura e mobilitazione ma è stato un falso allarme bomba quello alle Poste centrali di Livorno, in via Cairoli, nel salone degli sportelli per i servizi agli utenti. Si trattava di un flacone per bagnoschiuma da cui spuntavano cavi elettrici tenuti con nastro adesivo nero. Gli artificieri della polizia, dopo aver evacuato la sala da impiegati e clienti, hanno agito con un cannoncino ad acqua per disarticolare l’artifizio, che al termine di questo intervento è stato esaminato e si è rivelato inoffensivo. Inoltre nel contenitore c’era acqua.

Durante l’intervento sono rimaste chiuse le Poste e anche la via davanti. Tutta l’area è stata isolata. Ora proseguono gli accertamenti della polizia scientifica, anche col recupero delle immagini delle telecamere. Secondo quanto appreso la questura di Livorno farà una denuncia contro ignoti per procurato allarme.

Allarme bomba, artificieri, bagnoschiuma, Livorno, poste


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post Scrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741