Presidente già proiettato sull'Atalanta

Fiorentina: festa per gli sponsor. Commisso: «Montella non si monti, a Bergamo voglio vincere» (Foto)

di Ernesto Giusti - - Cronaca, Economia, Eventi, Sport, Top News

Boateng, Alia Guagni e Ribery alla festa di Villa Vittoria

FIRENZE – La luna di miele, intesa come tolleranza anche ai risultati negativi, è finita. Rocco Commisso, entrando alla festa organizzata a Villa Vittoria, sede del Palazzo dei congressi, ha fatto i complimenti a Montella, prendendolo però anche un po’ in giro. Ecco le sue parole: «Contro l’Atalanta dobbiamo fare meglio che contro la Juventus. Non possiamo fare come abbiamo fatto a Genova. Ho visto che Montella è
stato eletto miglior allenatore di questa settimana. Speriamo che non si monti la testa. Ora li lascio stare per un po’, meno male che hanno pareggiato e hanno fatto una bella partita».  Sullo stesso tono Joe Barone, braccio destro del presidente: «Contro la Juventus, Montella e il suo staff hanno fatto un ottimo lavoro. Abbiamo fatto vedere che, giocando a tre dietro, e pressando molto alti, siamo in grado di fare una grande partita. Abbiamo una squadra molto giovane, siamo accanto alla squadra, io e Daniele Pradè, contro l’Atalanta giocheremo per vincere. Abbiamo bisogno di una vittoria e di una buona prestazione. Oggi la squadra ha lavorato bene, lo farà anche domani per la gara di domenica prossima». Montella sta penssando addirittura di schierare Pedro, stasera alla festa accompagnato dal babbo e dalla mamma. Oppure Vlahovic. Ma naturalmente l’allenatore non scopre le carte.

Rocco Commisso con la moglie e il figlio a Villa Vittoria

Ha parlato anche German Pezzella, il capitano della squadra: «E’ stata un’estate particolare, ma non per me. E’ normale che ci siano state voci di mercato, specie perchè è lunghissimo. Io corteggiato? Sì, sono cose che succedono, ma il mio primo pensiero è sempre stato quello di restare qua a Firenze. Sta iniziando una bella cosa e voglio portarla avanti. Contro la Juventus abbiamo fatto solo un pareggio, non possiamo fermarci lì – ha aggiunto German Pezzella -, dobbiamo continuare a lavorare sulla stessa linea e se lo faremo sono convinto che arriveranno risultati migliori. Ancora c’è tanto da fare. Contro la Juve, nel
finale, ero stanco perchè reduce dal volo di ritorno dalla Nazionale argentina e, per via del fuso orario, ho dormito poco. Nelle prime due giornate non abbiamo fatto le nostre migliori prestazioni, soprattutto in difesa ma contro la Juventus penso che abbiamo concesso poco. Tutto dipende dal lavoro di squadra. Contro il Napoli abbiamo rischiato tanto, mentre contro la Juve è stato fatto un grande lavoro di squadra da Ribery a Chiesa davanti, fino a tutti gli altri. Tutti hanno pressato bene e fatto bene in tutti i reparti».

Pulgar, Montiel e Cristoforo a Villa Vittoria

E a chi gli ha chiesto in vista di Atalanta-Fiorentina di domenica prossima e della voglia di vendetta sportiva dopo l’eliminazione viola in semifinale di Coppa Italia, Pezzella ha risposto: «La prossima gara contro l’Atalanta sarà un’altra storia. Quello che è successo l’anno scorso è rimasto indietro. Loro sono una squadra forte, che la passata annata ha fatto benissimo e ora sta giocanndo la Champions. Noi siamo una squadra che ha appena cominciato, con tanti cambi e giocatori nuovi. Vogliamo continuare sulla stessa linea di quanto fatto contro la Juventus, perchè penso che le prestazioni ci siano, ma che ci manchi qualcosa per prendere i tre punti».

Tag:, , , , , , , ,

Ernesto Giusti

Ernesto Giusti