Cosa fare di giorno e di sera

Week end 5-6 ottobre a Firenze e in Toscana: musei gratis, spettacoli, eventi

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura, Spettacolo

La sala 35 della Galleria degli Uffizi, aperti gratis domenica 6

FIRENZE

Domenica al museo e Domenica metropolitana – Da domenica 6 ottobre torna Domenica al Museo, l’iniziativa che prevede l’ingresso gratuito nei luoghi della cultura dello Stato, ogni prima domenica del mese. A Firenze si entra gratis alla Galleria degli Uffizi, orario 8.15 – 18.50, a Palazzo Pitti, orario 8.15 – 18.50, al Giardino di Boboli, orario 8.15 – 17.30 (chiusura alle ore 16.30 nei mesi di novembre e dicembre), alla Galleria dell’Accademia, orario 8.15 – 18.50, al Museo del Bargello, orario  8.15 – 14, alle Cappelle Medicee, orario  8.15 – 14, a Palazzo Davanzati, orario 13.15 – 19.00 (visite ai piani superiori alle 15.00, 16.00, 17.00), al Museo archeologico nazionale, orario 8.30-14. La prima domenica del mese è anche la Domenica metropolitana, sponsorizzata da Giotto-Fila: i residenti nella Città metropolitana di Firenze entrano gratis nei musei civici (ossia quelli gestiti direttamente dal Comune come Palazzo Vecchio e il Museo Novecento) e possono partecipare a visite guidate e iniziative per famiglie, sempre a costo zero (su prenotazione).

Serena Dandini- Ferite a morteL’eredità delle donne – Dal 4 al 6 ottobre torna il festival con la direzione artistica di Serena Dandini, realizzato da Elastica e Fondazione CR Firenze, che rilegge il patrimonio artistico e culturale di Firenze e dell’Italia con l’intento di ridare luce al ruolo delle donne scienziate ed artiste, scrittrici e pioniere di tutti i campi del sapere, non sempre riconosciute al pari dei colleghi maschi. Al Saloncino della Pergola (via della Pergola 18; dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 18.00, a ingresso libero) si terrà Cinquanta sfumature di rosa, ovvero gli stati generali delle donne, grande novità dell’edizione 2019: sul modello dei grandi summit internazionali, le donne del nostro tempo si racconteranno in una non-stop di incontri per fare il punto su diritti, ambiente, lavoro, scienza, innovazione, sport e scenari internazionali. Ad aprire sarà Concita De Gregorio (alle 10.30) con “Canzone per Carol. Epitaffio per voce sola”, lettura scenica in omaggio alla celebre artista Carol Rama, scomparsa nel 2015. “Saranno le donne a ripulire il pianeta?” è il titolo dell’incontro dedicato al tema dell’emergenza climatica, in programma alle 11; alle 12, “È che ci disegnano così”, sulle diverse forme di rappresentazione della donna; alle 14.30 “Scienziate da Nobel”; alle 15.30 “Chi l’ha detto che le femmine non fanno goal?”;infine l’intervista di Geppi Cucciari alla scrittrice canadese Miriam Toews, autrice di “Donne che parlano” in cui ha affrontato il tema della violenza sulle donne. Al Teatro della Pergola, alle 21, sul palco “Vieni avanti, cretina!”, show dedicato alla comicità femminile, che vedrà alternarsi attrici comiche di ieri e di oggi sotto la guida di Serena Dandini e Martina dell’Ombra, in pieno stile “Stand Up Comedians”: Cristina Chinaglia, Alessandra Faiella, Emanuela Fanelli, Michela Giraud, Cinzia Leone, Annagaia Marchioro, Germana Pasquero, Rita Pelusio, Lucia Vasini. Madrina della serata una grande donna che ha fatto la storia dello spettacolo: Lucia Poli. La Manifattura Tabacchi (via delle Cascine 33; ingresso libero fino a esaurimento posti), alle 18, ospita “Di cosa parlano le donne quando parlano di musica?”: Nada, Veronica Lucchesi de La rappresentante di Lista e Margherita Vicario, raccontano il loro percorso creativo. Dopo il successo dello scorso anno torna il Caffè Letterario con 16 appuntamenti “diffusi” nelle librerie del centro storico (tra sabato 5 e domenica 6). Sabato 5 si parte con Susanna Tartaro e Ascoltatori (ADD) con Gabriele Ametrano (Libraccio, ore 12), per proseguire con Nina Verdelli e Breve storia triste, letture di Alessio Boni (Feltrinelli Cerretani, ore 16). Lidia Ravera, Roberta Colombo, Emanuela Giordano e Brunella Schisa presenteranno la collana Terzo Tempo di Giunti con Geraldina Fiechter (Libraccio, ore 16), mentre Annalena Benini dialogherà con Elisa Biagini su I racconti delle donne (Einaudi) letti da Federica Miniati (Le Murate, ore 17). E ancora, Carla Cucchiarelli parlerà de Il Telefono Rosa. Una storia lunga trent’anni (Castelvecchi) con Maria Gabriella Carnieri Moscatelli e Roberta Ammendola (Feltrinelli Cerretani, ore 17.30) mentre Chiara Valerio (Todo Modo, ore 18.30) con Teresa Ciabatti presenterà Il cuore non si vede (Einaudi). Al Caffè letterario Il Conventino (via Giano della Bella 20) dalle 10.30 c’è lo spettacolo-reading «Vissi d’arte, vissi d’amore: indagine su dieci donne illustri a Firenze tra Seicento e Novecento». Alla nuova Crumb Gallery (via San Gallo 119r) c’è la mostra «Donne in farsi. Viaggio tra i volti dell’Iran», che propone 40 scatti di Rory Cappelli e Lea Codognato. Lo spazio, aperto lo scorso maggio in via San Gallo, è diretto da Emanuela Mollica ed è interamente dedicato all’arte e alla fotografia delle donne.

I concerti della liuteria toscana – Domenica 6 alle 21 all’Auditorium di Santo Stefano al Ponte Vecchio (Piazza Santo Stefano, accesso da via Por Santa Maria) inizia «I concerti della liuteria toscana», 20 serate da ottobre a dicembre, a Firenze, in cui torneranno a suonare violini, viole e violoncelli plasmati da maestri artigiani e, in molti casi, restaurati da mani altrettanto sapienti. Tema del primo concerto è La musica di Mario Castelnuovo-Tedesco. Arpa: Letizia Lazzerini, chitarra: Tommaso Tarsi, clarinetti: Francesco Darmanin, Fabio Battistelli, clarinetto Basso: Iacopo Carosella, violini: Marco Lorenzini, Riccardo Capanni, viola: Leonardo Bartali, violoncello: Iacopo Luciani. Biglietto 15/12 euro

Florence River Festival – Sabato 5 e domenica 6 seconda edizone del Florence River Festival con visite su fiume e torrenti, pulizia degli alvei, raduni, open day coi Canottieri e altro. Domenica 6 alle 10 Gara nazionale di Dragon Boat; programma completo su www.florenceriversfestival.it. In occasione del festival, domenica 6 dalle 12.30 alle 16 Anconella Garden (accesso da via di Villamagna 39d) promuove una giornata con pic-nic per famiglie: con 15 euro sarà possibile ritirare il proprio kit da pic-nic, rigorosamente green. All’interno del cestino, interamente realizzato con materiale biodegradabile, un pasto a kmzero composto da alette di pollo croccanti con salsa agrodolce, cous cous con verdure, pinoli e uvetta, caponata di verdure, crostata di more, frutta, acqua o birra. Prevista anche una versione vegetariana. Incluso nel prezzo anche il telo per stendersi sull’erba. I cestini possono essere prenotati via mail scrivendo a anconellagarden@gmail.com e specificando nome, numero di persone, opzione vegetariana e numero di telefono. Il Riverside Pic-nic chiude ufficialmente la stagione estiva dello spazio Anconella Garden.

La democrazia del corpo – A Cango Cantieri Goldonetta, in via Santa Maria 25 sabato 5 si inaugura la nuova edizione di La democrazia del corpo, con la direzione artistica di Virgilio Sieni. L’apertura è affidata a Lisbeth Gruwez, per anni musa e icona di Jan Fabre; sabato 5 alle 21 e domenica 6 alle 17, la coreografa belga presenta It’s going to get worse and worse and worse, my friend. Biglietti: 12 € / 10 €. Prenotazione consigliata: tel. 055 2280525  biglietteria@virgiliosieni.it

Mostra autunnale di piante e fiori – Il Giardino dell’Orticoltura (via Vittorio Emanuele 4 – entrata anche da via Trento) sabato 5 e domenica 6 ospita la mostra autunnale di piante e fiori: due giornate con oltre 70 espositori ed eventi nella serra ottocentesca del Roster. L’ingresso è gratuito: è possibile entrare anche soltanto per farsi un giro e rifarsi gli occhi, ma le piante sono naturalmente anche in vendita e se ne trovano di tutte le dimensioni e per tutte le tasche.

Fiera internazionale della ceramica – Sabato 5 e domenica 6 dalle 10 alle 19 in piazza Santissima Annunziata 90 ceramisti da tutta Europa si riuniscono per la ventesima edizione della Fiera internazionale della ceramica: mettono in mostra le loro creazioni e spiegano i segreti di questa produzione tradizionale. In programma inoltre, sotto i loggiati dell’Istituto degli Innocenti, laboratori per bambini. Via dei Servi si trasforma per 2 giorni in Pottery street, ospitando istallazioni, musica e esibizioni di clown.

Come semi in viaggio, storie di migrazioni di piante e persone – Sabato 5 alle 16 visita gratuita all’Orto Botanico – Giardino dei Semplici, via Micheli, 3 – Firenze. Organizzazione: Sistema Museale di Ateneo (SMA), con il contributo del Comune di Firenze – Estate Fiorentina 2019, con l’adesione di Gallerie degli Uffizi, Sistema Museale, Comune di Fiesole, Fondazione Primo Conti, con la consulenza di Rete Semi Rurali. Coordinamento Stazione Utopia. Info e prenotazioni: 328 7084059

Fine vita – Domenica 6 alle 10.30 riprendono gli Incontri con la città promossi dall’Università di Firenze, presso l’Istituto degli Innocenti (Salone Brunelleschi – piazza SS. Annunziata, 12  Firenze) Antonio Gorgoni, docente di Diritto privato, parla sul tema «Dichiarazioni sul fine vita tra libertà e limiti Oltre la legge?»; introduce e coordina Gianni Pietraperzia. Ingresso libero.

Visarno Market – Torna all’Ippodromo del Visarno il weekend dedicato agli appassionati dei mercatini vintage: sabato 5 e domenica 6 dalle 11 alle 21 la struttura nel cuore delle Cascine ospita l’edizione autunale del Visarno Market 2019, a ingresso gratuito.

Merc’ANT – sabato 5 e domenica 6, orario 10-13 e 15-19 la Sala dei marmi del Parterre di Firenze ospita il Merc’ANT d’Autunno 2019. Il ricavato della vendita di abbigliamento, accessori, oggetti per la casa, cosmesi e prodotti eco-gastronomici (donati da aziende e privati) va all’attività di assistenza domiciliare specialistica offerta da ANT ai malati di tumore e alle loro famiglie.

Villa La Quiete, riprendono le visite guidate – La Villa sarà visitabile tutti i fine settimana, fino al 3 novembre. Le visite si svolgeranno a settembre in due turni il sabato e la domenica alle 15 e alle 17; da ottobre un turno di visita il sabato e la domenica alle 15. Villa La Quiete, via di Boldrone, 2 – Firenze. Organizzazione: Sistema Museale di Ateneo (SMA). Per informazioni: 0552756444. Nel mese di settembre la Villa sarà visitabile il sabato e la domenica, alle ore 15 e alle ore 17. Nel mese di ottobre e nel primo fine settimana di novembre sarà organizzato un unico turno di visita, alle ore 15.La Villa è visitabile solo su prenotazione e con visita guidata gratuita.

Tenax – Non più solo il sabato con Nobody’s Perfect al Tenax (via Pratese 46, apertura porte ore 22:30, ingresso riservato ai maggiorenni), ma da domenica 6 nuova iniziativa riservata ai teenager dai 13 ai 17 anni. Dalle 14.30 in poi si balla senza fermarsi mai, senza alcol e preferibilmente senza il telefonino. E stavolta l’ingresso è “vietato” ai maggiorenni. Ingresso in lista (prenotazione online): 12 € con drink analcolico incluso – tavolo 17 € con guardaroba e drink.

Mostre – Fino al 2 febbraio 2020 al piano terreno del Museo Archeologico Nazionale di Firenze (Piazza della Santissima Annunziata, 9b; orario: martedì-venerdì 8.30-19, sabato, domenica e lunedì 8.30-14) c’è «Mummie. Viaggio verso l’immortalità», con oltre 100 reperti provenienti dai magazzini del nostro Museo Archeologico, il secondo in Italia per importanza dopo quello di Torino (e il decimo in tutto il mondo). La mostra, che illustra il rapporto degli Egizi con il mondo dell’Aldilà, viene da un lungo tour in Europa e in Cina. Da un’idea di Maria Cristina Guidotti, direttrice della sezione egizia, che ha studiato le mummie, restaurato numerosi pezzi e scoperto la bellezza di un sarcofago come quello del sacerdote Padimut, con la ricca decorazione delle dinastie XXI e XXII (1069-656 a.C.). La statua del sacerdote Henat, che indossa una veste di foggia persiana, testimonia il dominio sull’Egitto dell’Impero Persiano (525-404 a.C.); ci sono amuleti, scarabei e vasi canopi per conservare gli organi del defunto, gioielli, cesti e vassoi di fibra vegetale che sembrano intrecciati oggi, la cassetta dipinta che ospitava gli ushabti (piccole statue del corredo funebre) dello scriba Nekhtamontu vissuto nel Nuovo Regno (1559-1070 a.C.). Da una testa mummificata attraverso la TAC è stato possibile ricostruire il volto.

Al Museo Novecento (Piazza Santa Maria Novella) c’è “Nel Novecento. Da Modigliani a Schiele da De Chirico a Licini”, aperta dal 12 luglio al 17 ottobre. La mostra è curata da Saretto Cincinelli e Stefano Marson. Raccoglie 42 disegni di artisti italiani e stranieri del XX secolo di proprietà della Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, in una sorta di dialogo tra il museo fiorentino e quello romano attraverso la figura di Alberto Dalla Ragione.

A Firenze, a Palazzo Antinori, dal 19 settembre al 10 novembre 2019 c’èla mostra La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini, al piano nobile; curata da Elisabetta Matteucci e da Silvio Balloni, giunge a dieci anni di distanza dall’ultima mostra su Telemaco Signorini a Padova; al centro il rapporto tra padre e figlio e il loro legame con Firenze, per entrambi indissolubile

La Collezione Roberto Casamonti allestita al Piano Nobile di Palazzo Bartolini Salimbeni (Piazza di Santa Trinita, 1), storico edificio rinascimentale opera di Baccio d’Agnolo, si rinnova totalmente con l’obiettivo di presentare e mettere a disposizione dei visitatori il fior fiore dell’ampia Collezione personale, raccolta dal noto gallerista fiorentino in 40 anni di appassionate ricerche. Nel primo anno sono stati esposti i capolavori della prima metà del Novecento, accolti con notevolissimo interesse da pubblico e critica. Ad essere rivelata è l’arte della seconda parte del secolo a partire dalla fine dagli anni Sessanta. www.collezionecasamonti.com

Negli spazi della Galleria Poggiali di Firenze (Via della Scala, 35/A e Via Benedetta, 3r) c’è la mostra di Claudio Parmiggiani dal titolo «A cuore aperto», a cura di Sergio Risaliti. Nato a Luzzara (RE) nel 1943, Parmiggiani è uno tra i maggiori protagonisti dell’arte contemporanea internazionale e, dopo la prima personale in un museo americano al Frist Art Museum di Nashville, propone un gruppo di sue opere in un progetto appositamente concepito per la galleria fiorentina, per quella che è la sua prima vera personale a Firenze. La mostra, che è a ingresso libero, proseguirà fino al 29 ottobre.

Nel Complesso museale della Pieve di San Pietro in Bossolo, a Tavarnelle Val di Pesa (FI), mostra di sculture dal titolo “Colli rugosi e case sospese. Le impervie vedute di Adriano Bimbi”, curata da Antonio Natali, già Direttore della Galleria degli Uffizi. OItre al curatore interverranno Davide Baroncelli (Sindaco di Tavarnelle Val di Pesa) e Giacomo Trentanovi (Assessore alla cultura). L’esposizione, che proseguirà fino al 1° dicembre 2019, è organizzata dall’Associazione Amici del Museo e dalla Proloco di Tavarnelle Val di Pesa, patrocinata dall’Unione Comunale del Chianti e sponsorizzata da Chianti Banca. Visitabile durante i fine settimana con ingresso libero, la mostra propone all’attenzione del pubblico una selezione di opere di Adriano Bimbi realizzate tra il 1983 e il 2019; si tratta di bronzi – paesaggi in miniatura sospesi – che poi l’artista colora oppure qua e là copre di foglia d’oro, come si faceva in antico.

SESTO FIORENTINO

Domenica 6 c’è Medioevo a Sesto, una giornata di musica, giochi e pietanze nella Villa San Lorenzo (via scardassieri 47); dalle 16.30 alle 19, per i più piccoli, giochi medievali e laboratori sull’alimentazione e sulla lavorazione dei tessuti nel medioevo; dalle 17 alle 18 assaggi di piatti medievali; dalle 18 alle 19.30 incontro sulla musica e gli strumenti musicali nel medioevo; segue esibizione musicale con strumenti medievali; alle 20 cena con piatti ispirati alla cucina medievale (chiusura prenotazioni venerdì 4). Dettagli su www.prolocosestofiorentino.it

Al Teatro della Limonaia (Via Gramsci 426; 055 440852 – 346 0384884, www.teatrodellalimonaia.it) per il Festival Intercity Oslo II sabato 5 e domenica 6 alle 21 c’è «Ritorni» di Fredrik Brattberg, regia di Fabio Mascagni, con Roberto Gioffrè, Vania Rotondi e Simone Iosue, traduzione Cristina Falcinella, assistente alla regia Cosimo Parretti, coreografie di Valerio Cassa; prima assoluta in italiano. Un padre alla finestra, preoccupato per la noncuranza dei vicini con il loro cane, non sanno davvero tenerlo legato… Una madre che fa la calza sul divano e reclama la presenza del marito al suo fianco. Una vita familiare in sospeso, stravolta dal dolore per la misteriosa scomparsa del figlio quasi ventenne. Un funerale e la vita in qualche modo può ricominciare. Ma il figlio torna, emaciato e sporco, a reclamare il suo posto a tavola. Di nuovo sparisce e di nuovo riappare, ma ad ogni apparizione del ragazzo, la madre e il padre sono sempre più indaffarati, distratti e a lungo andare anche infastiditi. L’assenza del figlio a poco a poco si normalizza tanto che Gustav deve rimorire e rinascere sempre più in fretta per cercare invano di scuotere i genitori dalla loro crescente indifferenza. Sabato 5 e domenica 6 alle 22.30, oltre che il 12 e 13 ottobre alle 21, Intercity presenta «Uomini da poco» di Hans Petter Blad, regia Marco Di Costanzo, con Roberto Caccavo e Domenico Cucinotta; traduzione Cristina Falcinella; assistente alla regia Carolina Pezzini; prima assoluta in italiano. Biglietti: € 15 intero, € 12 ridotto. Biglietto unico per chi assiste a tutti e due gli spettacoli € 20. Riduzioni: Coop, Arci, Carta Feltrinelli.

SCANDICCI (FI)

Sabato 5 inaugurazione della Fiera di Scandicci, che continua fino a domenica 13: 18mila metri quadrati di superficie espositiva nel centro della città (12mila sono al coperto), 360 espositori (30 sono i punti ristoro) e decine di eventi ogni giorno. Durante il weekend gli stand sono aperti dalle 9 a mezzanotte e domenica è previsto inoltre il mercato straordinario in piazza Togliatti da mattina a sera.

VINCI (FI)

Sabato 5 e domenica 6c’è l’EcoVinci Festival; info 333 871 7157.

GAIOLE IN CHIANTI (FI)

8000 ciclisti da tutto il mondo per la ventritreesima edizione dell’Eroica di domenica 6: una grande corsa ciclistica storica a numero chiuso che ammette soltanto biciclette costruite fino al 1987. Cinque i percorsi, dal “Piccolo Chianti” di 46 km al lungo di 209 km. In mezzo c’è il corto da 81 km, il cento da 106 km e il Medio Crete Senesi da 135 km.

PISTOIA

Nell’ambito del festival cinematografico Presente Italiano, sabato 5 omaggio a Carlo Verdone con incontri, iniziative e tavole rotonde alle 11 alla biblioteca San Giorgio; alle 17 sarà invece il momento di “Doctor music: la musica secondo Carlo Verdone” che sarà impegnato in un incontro che mescola cinema e musica in piazzetta dell’Ortaggio, accompagnato dal set di Coxca dj.  Anche le iniziative pomeridiane saranno tutte dedicate al cinema di Verdone: alle 19 al cinema Roma (via Laudesi, 6) proiezione di “Ma che colpa abbiamo noi”, in cui otto persone, di età e storie diverse, vivono a Roma uniti solo dal fatto di frequentare lo stesso gruppo di analisi. A seguire, alle 21.30 sempre al cinema Roma, “Posti in piedi in paradiso”; a Carlo Verdone sarà fatto omaggio di un’opera originale realizzata dall’artista Michele Fabbricatore. Fino al 6 ottobre mostra fotografica “Uno, dieci, cento Verdone” composta da 32 ritratti originali scattati, dentro e fuori il set, dal fotografo Claudio Porcarelli.

AREZZO

Dal 2 al 6 ottobre ad Arezzo c’è il Festival dello Spettatore, quarta edizione del primo festival dedicato alla figura dello spettatore. Ideato dalla Rete Teatrale Aretina, alterna occasioni di approfondimento e spettacoli di  drammaturgia contemporanea. Sabato 5 al Teatro Petrarca ‘Il giardino dei ciliegi’ della compagnia Kepler-452. Chiusura domenica 6 con due spettacoli: alle 11 l’itinerante Messaggi d’amore e alle 17 al Teatro Petrarca, Kanu dei Piccoli Idilli. Info: 0575.1824380.

Sabato 5 e domenica 6 in centro ad Arezzo c’è la tradizionale Fiera Antiquaria, la più grande d’Italia, con oltre 400 espositori.

Tag:, , , , , , , , , , , , ,