Skip to main content

Arcelor Mittal: Boccia, subito lo scudo. Le imprese dell’indotto potrebbero ritirare i dipendenti

ROMA – il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia parla con i giornalisti a Bologna:  «Bisogna rimettere immediatamente lo scudo penale, perché senza quello non c’è commissario né privato che venga a firmare alcunché. Così . Se il governo non rimette lo scudo chiunque non va a firmare nulla, perché se per investire nel Paese deve essere arrestato…, ha aggiunto Boccia. Il governo rimetta lo scudo, convochi l’azienda e apra un confronto serrato a tutto campo nella salvaguardia dell’azienda e dell’occupazione».

Di Maio afferma: «Tutte le scelte che verranno fatte su Ilva derivano dal fatto che Mittal si risieda al tavolo. Qui stiamo parlando di una multinazionale che se ne va. Noi speriamo ci possa essere un incontro a Palazzo Chigi». Quanto all’ ipotesi di un ingresso di Cdp nell’azienda con l’intervento dello Stato Di Maio ha glissato: “Vedremo”.

Se domani ArcelorMittal non salderà le fatture alle ditte dell’indotto-appalto o non ci saranno garanzie in tal senso, le imprese dell’indotto  potrebbero ritirare gli operai dai cantieri. E’ quanto paventano i sindacati dopo aver appreso da alcuni imprenditori della volontà di mettere in liberà i dipendenti a causa del mancato pagamento delle fatture da parte della multinazionale franco-indiana che vuole lasciare Taranto. Le imprese hanno maturato un credito complessivo intorno ai 60 milioni.

E gli autotrasportatori tarantini non escludono di bloccare le portinerie d’ingresso ed uscita merci dello stabilimento siderurgico se ArcelorMittal non salderà a breve le fatture di trasporti effettuati da agosto a oggi. Lo si apprende da fonti sindacali. Le imprese hanno già proclamato lo stato di agitazione della categoria, mettendo in mora l’azienda.

Domani, in occasione del presidio delle aziende dell’indotto che si terrà a partire dalle 7 davanti alla portineria C dello stabilimento siderurgico di Taranto, gli autotrasportatori tarantini hanno intenzione, secondo quanto si apprende da fonti sindacali, di consentire il passaggio dei mezzi per l’approvvigionamento dei materiali necessari alla produzione ma di impedire l’uscita dalla fabbrica della merce prodotta, ovvero i rotoli di acciaio (coils). La protesta, dicono le stesse fonti, potrebbe inasprirsi nei giorni successivi se ArcelorMittal non salderà le fatture in sospeso. Le imprese di autotrasporto hanno già proclamato lo stato di agitazione della categoria e messo in mora l’azienda. Nel gennaio del 2015 iniziarono una protesta con presidio alle portinerie che durò 40 giorni per i crediti derivanti dal passaggio da Ilva commissariata a Ilva in amministrazione straordinaria (150 milioni) e terminò solo quando si raggiunse un accordo circa il pregresso e i tempi di pagamento del corrente.

“Tra le opzioni che stiamo valutando c’è quella di organizzare una grande manifestazione a Roma con i lavoratori. Si tratta di un’idea già emersa nei giorni scorsi che sarà analizzata domani nel corso del consiglio di fabbrica. Ogni decisione dovrà comunque essere condivisa. Se non avremo risposte celeri la mobilitazione sarà inevitabile”. Lo dice all’ANSA Biagio Prisciano, segretario generale aggiunto della Fim Cisl di Taranto, alla vigilia del consiglio di fabbrica convocato dalle Rsu

indotto, Mittal, scudo


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741