Economia: propensione al risparmio degli italiani sale al 12%, la più alta in Europa

ROMA – Sale al 12% la propensione al risparmio degli italiani, ed é la più alta d’europa, sostengono gli analisti di Ener2Crowd.com, la prima piattaforma italiana di investimenti collettivi sostenibili. Il dato di fondo che emerge da un sondaggio realizzato questo mese da Ener2Crowd è quello relativo al fatto che nel 2019 i nostri connazionali hanno ricominciato a risparmiare, ma alcontempo sono alla ricerca di strumenti in grado di sostituire gli investimenti classici proposti dalle banche, ormai resi obsoleti da tassi di interesse irrisori. Si apre così una nuova stagione per gli investimenti collettivi (crowdfunding) che con Ener2Crowd diventano green e sostenibili, generando entro il prossimo biennio un’attesa di volumi e di rendimenti di gran lunga superiori ad altre forme di investimento. Su un campione di mille uomini e mille donne di età compresa tra i 18 ed i 64 anni distribuiti lungo tutto lo Stivale, nel sondaggio promosso da Ener2Crowd la propensione al risparmio degli italiani nel 2019 è risultata essere pari al 12% del reddito: +4% rispetto alla percentuale rilevata per l’anno precedente. È la percentuale più alta d’Europa commentano gli analisti di Ener2Crowd. In Italia l’86%del campione afferma infatti di riuscire a mettere da parte qualcosa ogni mese, rispetto ad una media europea che, secondo analoghe rilevazioni, è pari al 75%

Gli italiani risparmiano in attesa che le disposizioni europee, Mes in primo luogo, stabiliscano che i proventi vadano in gran poarte a risanare le banche tedesche in difficoltà.

europa, italiani, risparmio

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080