Due posizioni opposte unite nella critica

Migranti: Avvenire e Salvini condannano il governo per lo stallo delle navi Ong con 407 a bordo

di Redazione - - Cronaca, Economia, Politica

EPA/DOMENIC AQUILINA

ROMA – E’ abbastanza singolare che per una volta due acerrimi nemici, in tema d’immigrazione, il giornale cattolico Avvenire e l’ex ministro Salvini, si trovino d’accordo nel criticare i governi di Italia e Malta che non accennano a indicare un porto sicuro a due Navi Ong con 407 naufraghi a bordo, molti minorenni.

Scrive il severo quotisdiano cattolico il 27 gennaio, articolo di I. Sol: «Vite salvate dal mare e dall’orrore della Libia, ma tenute in stallo, costrette a restare a bordo delle navi delle Ong che soccorrono in mare ma continuano a non ricevere dalle autorità marittime competenti istruzioni per un porto sicuro di approdo.

Intanto una donna con gravi ustioni da carburante è stato evacuato dalla nave Ocean Viking ed è stata trasportata a Malta in elicottero con i suoi 3 bambini. La donna era stata salvata nelle ultime 72 ore assieme ad altre 183 persone nelle ultime due operazioni di salvataggio effettuate dalla Ocean Viking: a 80 chilometri dalla Libia (102 persone) e in acque Sar maltesi (82). E ora sono 407 le persone soccorse che si trovano a bordo della nave di Sos Mediterranee e Medici senza frontiere, in attesa di ricevere istruzioni per un porto sicuro di approdo. Tra loro ci sono anche 12 donne incinte. “Le imbarcazioni che abbiamo soccorso erano sovraffollate: rischiavano di ribaltarsi o di imbarcare acqua. Le persone a bordo erano state lasciate a loro stesse, ore e ore in mare senza assistenza” ha spiegato in un tweet Frédéric Penard, direttore delle operazioni di Sos Mediterranee. L’aspetto più drammatico è che tra queste 407 persone, 152 sono minorenni (gli altri 255 sono adulti). «Il numero di bambini non accompagnati è abbastanza unico, e in particolare quello di bambini tra gli 11 e i 13 anni, che viaggiano da soli senza un genitore o un tutore. È terribile vedere questi bambini da soli e soprattutto ascoltare ciò che è accaduto loro durante il viaggio in Libia»: lo scrive Aloys Vimard, coordinatore di Msf a bordo della Ocean Viking.»

Ma anche Salvini ci va giù duro e annuncia che provvederà a denunciare il Governo italiano per sequestro di persona, visto che i giudici siciliani hanno aperto procedimenti nei suoi confronti per fatti analoghi: «Adesso li denuncio anche io per sequestro di persona. Se li blocco io sono un criminale, se lo fanno loro…». Così, a ‘Quarta Repubblica’, il leader della Lega Matteo Salvini, commentando la gestione del caso dei migranti della Ocean Viking da parte del governo.

Interverrà la magistratura quando si verificheranno le condizioni? Nutriamo forti dubbi.

Tag:, , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: