Nuove misure a favore di imprese e famiglie

Coronavirus, lavoro: governo studia cassa integrazione per tutti i settori e congedo speciale per genitori

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia

RICCARDO ANTIMIANI

ROMA – Cassa integrazione per tutti i settori e in tutta Italia, congedi speciali per i genitori che hanno i figli a casa da scuola, aiuti specifici per gli autonomi e per i lavoratori stagionali. E poi un sostegno corposo alla liquidità delle imprese, per evitare che vengano travolte dal blocco delle attività a causa dell’epidemia. Il governo stringe sulle misure da mettere in campo con il nuovo decreto anti-Coronavirus e valuta di aumentare gli stanziamenti in deficit, salendo almeno a 10 miliardi, ritoccando ancora all’insù l’indebitamento di qualche altro decimale. Una decisione sarà presa domani in un nuovo Consiglio dei ministri prima del voto delle Camere sulla richiesta di scostamento dagli obiettivi di finanza pubblica: l’asticella del deficit potrebbe essere portata fino al 2,7% o anche qualcosa di più, fermo restando, almeno per ora, il rispetto del vincolo europeo del 3%. Da Bruxelles arrivano segnali incoraggianti, anche sulla rapidità delle scelte. “Per sostenere i Paesi ci assicureremo che gli aiuti di stato arrivino alle aziende che ne hanno bisogno, e faremo pieno uso della flessibilità del Patto, e su questo chiariremo le regole prima dell’Eurogruppo di lunedì. Ci saranno linee guida entro il weekend”, assicura la presidente della Commissione Ue, Ursula Von den Leyen.

Ma assicurazioni erano già arrivati dalla commissaria alla Concorrenza, Margrete Vestager – “Restiamo pronti a lavorare con il Governo italiano su misure aggiuntive per rimediare ai seri problemi dell’economia” – e dal vicepresidente Valdis Dombrovskis: la Ue è pronta “a sostenere l’Italia e gli italiani con ogni mezzo”. Un intervento unitario viene invocato anche dall’Ufficio Parlamentare di Bilancio italiano, secondo il quale è indispensabile anche il ricorso agli eurobond per sostenere i vari Paesi, a partire dai più deboli come l’Italia. Sull’economia del Belpaese l’impatto del virus sarà pesante, anche se l’authority dei conti pubblici non si spinge a fare stime, e rischia, se i supporti non saranno adeguati, di “compromettere la potenzialità dell’intero paese negli anni a venire”. Intanto per il 2020 una contrazione del Pil sarà inevitabile e ci saranno settori, a partire dal turismo, che probabilmente non riusciranno a recuperare le perdite di queste settimane nemmeno se l’epidemia si conterrà entro aprile.

Tag:, ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: