Le inchieste si estendono a tutto il territorio

Coronavirus Lombardia: magistratura apre procedimenti in tutte le province

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica, Salute e benessere

Il reparto CoVid dell’ospedale Poliambulanza di Brescia durante l’emergenza CoVid19, ANSA/SIMONE VENEZIA

MILANO – Aumenta il numero degli indagati in Lombardia per inchieste legate all’epidemia di Coronavirus, questione di cui ormai si occupano tutte le procure della regione. Se a Milano ci sono già persone indagate da qualche tempo, in particolare responsabili di Rsa in cui si è verificato il maggior numero di decessi, tra cui Il Pio Albergo Trivulzio e la Fondazione Don Gnocchi, ora anche nel distretto di Corte d’appello di Brescia ci sono le prime iscrizioni nel Registro degli indagati. Non a Brescia ma in altre Procure (il distretto comprende anche Cremona, Bergamo e Mantova) . Nelle numerose denunce presentate sono segnalati anche rappresentanti del Governo e della Regione. Questi ultimi in riferimento alle delibera dell’8 marzo 2020 con cui si chiedeva alle Rsa di creare dei reparti Covid-19 e alla mancata istituzione della ‘zona rossa’ nei comuni di Alzano Lombardo e di Nembro, in provincia di Bergamo.

Durante un incontro con la stampa il procuratore generale di Brescia, Guido Rispoli, ha fatto il punto sulle indagini e sulla loro complessità spiegando che «altre denunce riguardano organi di gestione di Ospedali e Rsa e personale sanitario e infermieristico a vari livelli». Ci sono anche fascicoli a Modello 21, quindi con degli indagati. Perché i fascicoli aperti, come ha spiegato il pg, sono eterogenei a seconda del tipo di denuncia: quelli contro ignoti, quelli relativi a fatti non costituenti notizie di reato e quelli riguardanti esposti anonimi.

Rispoli ha ricordato che l’iscrizione nel Registro degli indagati “non comporta in alcun modo una valutazione di responsabilità della persona iscritta che si compie solo alla fine delle indagini”. Le segnalazioni sono di parenti di deceduti, persone che si sono infettate fuori dagli ospedali e che lamentano “l’omissione il ritardo ovvero l’erroneità delle cure prestate”, altre che invece si sono infettate negli ospedali e in Rsa dove si trovavano per ragioni di lavoro (personale delle pulizie) o a trovare parenti e che lamentano “l’omessa adozione delle necessarie adozione delle necessarie cautele preventive”. Così è anche per medici e infermieri delle strutture che affermano di aver contratto l’infezione “nell’esercizio a causa delle loro funzioni e per mancanza di presidi preventivi”.

Vi sono poi le segnalazioni dell’Inail “che riconduce l’evento lesivo derivante dall’infezione da Covid 19 alla categoria degli infortuni sul lavoro” e quelle del Nas dei carabinieri che, nei giorno scorsi ha effettuato “una vasta indagine di tipo ispettivo nei confronti di una gran numero di Rsa presenti su territorio bresciano”.

Nel pomeriggio, davanti al Trivulzio, i parenti delle vittime hanno esposto uno striscione con i loro nomi. Sulle inferriate anche altri cartelli, tra cui: “15/5/20 sei volata in cielo. Ciao mamma”. L’iniziativa del Comitato arriva, è stato spiegato ieri dal portavoce Alessandro Azzoni, «dopo mesi di condivisione distanziata di lutti e angosce per la sorte dei nostri cari, quando è ancora costante la preoccupazione per i nostri familiari che vivono isolati all’interno della Baggina. Si tratta, chiarisce, del primo incontro nel luogo diventato il simbolo di un dramma, che ha coinvolto anziani e personale sanitario, e che ora si cerca di mettere sotto il tappeto»

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: