Skip to main content

Esperti Ue: Italia accetti Mes, fra poco tornerà il Patto di stabilità

Valdis Dombrovskis, European Commission

BRUXELLES – «Il Mes ha condizionalità estremamente leggere, e non ci sarebbe lo stigma dei mercati nemmeno se l’Italia fosse il solo Paese o uno dei pochi a chiederlo»: lo ha detto Niels Thygesen, presidente dello European Fiscal board, il gruppo di esperti indipendenti incaricato dalla Commissione Ue di valutare l’attuazione delle regole del Patto di Stabilità. La questione dello stigma è sopravvalutata, ha detto un altro dei membri del Fiscal board, perché “gli spread non salgono a meno che non ci fossero delle condizionalità fortissime.

Lo stimolo fiscale nazionale deve proseguire anche nel 2021, il ripristino del Patto di Stabilità deve essere rivalutato massimo entro la prossima primavera e le iniziative come Sure e Recovery fund dovrebbero trasformarsi in veri e propri strumenti di bilancio comuni: sono queste le raccomandazioni dello European Fiscal Board.

Per gli esperti, l’attivazione della clausola di salvaguardia del Patto avrebbe dovuto fornire indicazioni chiare sulle condizioni per la sua disattivazione. “Chiarimenti devono essere forniti entro la primavera del 2021 al più tardi”, avvertono gli esperti, altrimenti si rischia uno scontro tra Commissione e Consiglio, oppure all’interno del Consiglio stesso cioè tra gli Stati, sull’opportunità o meno di ripristinare le regole. “Al momento non c’è ovviamente motivo di ripristinare il Patto, aggiungono gli esperti. Inoltre, la pandemia ha dimostrato ancora una volta la “difficoltà di gestire ampi shock con pochi strumenti comuni e soprattutto senza una capacità centrale di bilancio”.

«Qualche mese fa abbiamo giustamente attivato la clausola di salvaguardia del Patto di Stabilità, ma dovremmo ora ritornare alle regole ‘da manuale, e presto dovremo ritirare ciò che voleva essere temporaneo. Però sarà necessario un ritorno graduale»: lo ha detto il presidente dell’Eurogruppo, Mario Centeno, al think tank Bruegel. «Dobbiamo rimanere cauti però, perché in un contesto di incertezza e ripresa disomogenea una stretta sui bilanci prematura può minare gli sforzi del passato», ha aggiunto.

Il Fiscal board, il gruppo di esperti indipendente che vigila sull’applicazione delle regole del Patto di stabilità, ha raccomandato alla Commissione di rivedere al più tardi la prossima primavera lo stop temporaneo delle regole. «E’ in linea con quello che pensiamo, non abbiamo fissato un calendario per disattivare la clausola, perché l’incertezza è troppo grande, ma ci torneremo in autunno per prendere decisioni allora o in primavera», ha detto il vicepresidente Valdis Dombrovskis.

esperti, Italia, mes, patto stabilità, ue


Paolo Padoin

Già Prefetto di FirenzeMail

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741