Salute e benessere

Indagine Iss post lockdown: «Gli italiani mangiano male. Grassi e sedentari»

di Ernesto Giusti - - Cronaca, Economia, Politica, Primo piano, Salute e benessere

ROMA – Una fotografia spietata sul modo di vivere degli italiani, attraverso uno studio coordinato dall’Istituto superiore di sanità dopo il periodo del lockdown. Gli italiani fanno scarsa attività fisica, mangiano poca frutta e verdura e 4 su 10 sono in lotta con la bilancia, soprattutto andando avanti con l’età. Tanto che, tra gli over 65 i problemi di peso riguardano quasi 6 persone su 10. Osservazione: può darsi che questa foto sia stata scattata proprio all’indomani del lockdown e abbia sorpreso la popolazione italiana dopo i lauti pasti in casa, cucinati personalmente soprattutto per far passare il tempo. Una situazione su cui hanno inciso i vari dpcm del governo Conte.

Si trtta, in ogni caso, del risultato dell’indagine sulla popolazione italiana adulta e anziana fatta dai Sistemi di sorveglianza Passi e Passi d’Argento 2016-2019, coordinati dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss) e volti a monitorare e prevenire i fattori di rischio per la salute. Per quanto riguarda la fascia di età 18-69 anni, il 40% è in eccesso di peso, di questi 3 sono in sovrappeso e uno obeso. Appena uno su 10 consuma la quantità di frutta e verdura raccomandata dalle linee guida per una corretta alimentazione, ovvero 5 porzioni al giorno.

La sedentarietà è più frequente con l’avanzare dell’età, fra le donne e fra le persone con uno status socio-economico più svantaggiato o con basso livello di istruzione. In alcune Regioni meridionali la quota di sedentari supera abbondantemente il 50% della popolazione (Basilicata e Campania). Quanto all’alcol, tra gli adulti uno su 6 ne fa un consumo a rischio. Ancora alto, inoltre, il numero di fumatori: un italiano su 4, tra 18 e 69 anni, non rinuncia alle sigarette. Percentuale che scende andando avanti con l’età e si riduce al 10% tra gli over 65. Questa pubblicazione di dati, sottolineano gli autori, «avviene dopo i difficili mesi del Covid-19 ed è il segno di un impegno importante da parte dei dipartimenti di prevenzione sul territorio, anche in questo momento di particolare difficoltà sul sistema sanitario».

Tag:, , , , ,

Ernesto Giusti

Ernesto Giusti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: