Ciclismo, campionati europei: italiani protagonisti, oro di Nizzolo fra gli uomini, argento di Longo Borghini nella prova femminile

PLOUAY – Campionati europei di ciclismo, squadre italiane in grande spolvero. Per l’Italbici due titoli continentali in Bretagna, il primo quello conquistato da Elisa Balsamo nella gara in linea delle under 23, il secondo da Giacomo Nizzolo nella prova in linea maschile. Tre argenti, uno nella gara femminile conquistato da Elisa  Longo Boldrini e due a cronometro vinti dagli juniores Carlotta Cipressi e Lorenzo Milesi.

Uno straordinario Giacomo Nizzolo si è aggiudicato la medaglia d’oro al termine della prova in linea Elite maschile ai campionati europei di ciclismo di Plouay, in Francia. Il corridore brianzolo,al termine di una volata tiratissima, taglia per primo iltraguardo nell’arrivo a ranghi compatti dopo 177,4 km – pari a tredici giri del circuito cittadino – e precede per un soffio il francese Arnaud Demare, che conquista la medaglia d’argento. Bronzo per il tedesco Pascal Ackermann. Dopo una serie di scatti non andati a buon fine, nel finale a provarci e’ stato il norvegese Hoelgaard, ma viene ripreso a tre km dalla conclusione e l’arrivo e’ in volata. Gli italiani di Davide Cassani sono protagonisti di un ottimo lavoro di squadra, tirando il gruppo nel finale e gestendo alla perfezione l’ultimo chilometro: il fresco campione italiano si conferma anche a livello continentalee regala la medaglia piu’ prestigiosa all’Italia, al suo terzo titolo continentale di fila nella prova su strada Elite dopo quelli di Matteo Trentin (2018) e Elia Viviani (2019).

Bella prova di Elisa Longo Borghini che ha conquistato la medaglia d’argento nella prova in linea donne Elite agli Europei di ciclismo di Plouay, battuta in volata dalla campionessa del mondo, l’olandese Annemiek Van Vleuten, che vince l’oro, bronzo alla polacca Niewiadoma.

 

ciclismo, Italia, podi


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080