Maltempo in Toscana: temperature a picco. Neve sull’Amiata. Codice giallo per piogge fino alle 12 del 28 settembre

A scuola con giubboti e maglioncini

FIRENZE – L’autunno è arrivato e si fa sentire: temperature a picco su tutta la Toscana, maglioni e piumini fuori dagli armadi a tempo di record. Anche a scuola, da domani, 28 settembre, si andrà con vestiti più pesanti. Sull’Amiata, straordinariamente, è caduta la prima neve: ben 15 centimetri sulla vetta. Per il resto, domenica di pioggia, oggi 27 settembre: dalle zone meridionali si allargherà nel corso del pomeriggio al resto della regione. Così la Sala operativa della Protezione civile regionale ha esteso il codice giallo emesso ieri a quasi tutta la Toscana, dalle 15 di oggi fino a mezzogiorno di lunedì 28 settembre. Rimane fuori, codice verde, solo la Lunigiana, la Garfagnana e il tratto di costa più a nord.

Il rischio è principalmente idrogeologico e idraulico del reticolo minore, ovvero frane e esondazioni, per via dei terreni imbevuti dalle precipitazioni degli ultimi giorni e i corsi d’acqua già carichi. Ma c’è
anche un rischio per temporali forti, attesi nelle zone più prossime alla foce dell’Arno, sull’Arcipelago e all’Argentario, lungo praticamente quasi tutta la costa, e nell’entroterra nella parte più meridionale della
provincia di Pisa, sulle Colline metallifere e nel grossetano: fenomeni non particolarmente intensi ma localmente anche persistenti e accompagnati da grandinate o colpi di vento.

Lunedì è prevista una residua instabilità sulla costa centro-meridionale e le isole, dove non si escludono locali temporali, anche forti. Dettagli e consigli sui comportamenti da adottare si trovano all’interno della sezione Allerta meteo del sito della Regione Toscana, all’indirizzo http://www.regione.toscana.it/allertameteo

giubboti, maglioni, Maltempo in Toscana, Neve sull'Amiata, piogge, rischio idrogeologico, scuola, temperature a picco, temporali


Ernesto Giusti


Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080