Skip to main content

Bonomi, Confindustria ai sindacati: «Non si può scioperare, abbiamo un Pil da tempo di guerra»

Carlo Bonomi, presidente di Confindustria (Foto ANSA)

MILANO – Non è il momento discioperare, perchè il Pil italiano mostra numeri da tempo di guerra. Lo dice Carlo Bonomi, presidente di Confindustria all’assemblea di Assolombarda: «Sabato abbiamo presentato i dati del nostro centro studi con le previsioni del Pil. Siamo tornati indietro con numeri da guerra eppure c’è un rimbalzo grazie alla manifattura industriale. Ed io dico non fermate la locomotiva dell’industria italiana».

E ancora: «La strada giusta è quella di sedersi al tavolo e parlarsi. Non è il momento di fare scioperi. I soldi nelle tasche dei lavoratori vanno messi ma in modo intelligente. Se poi al sindacato welfare formazione non interessa lo dica e troviamo una soluzione. Ci sediamo ad un tavolo e ragioniamo. Di tutto abbiamo bisogno tranne che di scioperi. Se stiamo perdendo circa il 10% del Pil è ovvio che gli aumenti devono essere legati agli accordi del 2018 che stabiliscono il trattamento economico minimo legato all’inflazione. Se l’inflazione è bassa non è colpa di Confindustria, e poi c’è il trattamento economico complessivo che verteva su previdenza integrativa, welfare e formazione – ha aggiunto il presidente di Confindustria -. Se ai sindacati questi temi non interessano, e vuole solo aumenti del salario indipendenti, non è un problema, lo dicano. Dicano che gli accordi di due anni fa non gli vanno più bene, ci sediamo ad un tavolo e si ragiona. Questo è il momento di fare le riforme. Questa è l’occasione di fare le riforme per avere un Paese normale e non fatto di commissari. Noi vogliamo un Paese normale».



Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741