Bankitalia: col blocco dei licenziamenti governo tutela 600.000 posti di lavoro

La Banca d’Italia

ROMA – Bankitalia, ossequiente come spesso accade, scende in campo a difesa del governo nel campo della tutela dell’occupazione. L’insieme delle politiche del governo italiano per fare fronte alla crisi Covid ha, nel 2020, evitato 600mila licenziamenti. E’ quanto si legge in un’analisi della Banca d’Italia che calcola l’impatto delle misure di estensione della CIG, il sostegno alla liquidità delle imprese e il blocco dei licenziamenti. Nello studio, della ricercatrice Eliana Viviano (che non riflette necessariamente l’opinione dell’istituto centrale) si rileva come circa un terzo di questi 600mila licenziamenti non si sarebbe probabilmente verificato, anche in assenza del blocco governativo, grazie alle altre misure.La Banca non dice però quante imprese e quante piccole aziende, medi imprenditori o professionisti rischiano di perdere tutto a causa delle chiusure governative, non ristorate. il solito strabismo caro alla sinistra.

bankitalia, Governo, licenziamenti, occupazione

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080