Polizia: avvicendamenti nelle questure di Firenze, Prato e Grosseto

Questura di Firenze

FIRENZE – Sono stati disposti i seguenti avvicendamenti nelle questure di Firenze, Prato, Grosseto. Lascia Firenze il dr. Antonino De Santis, capo della Mobile

Lunedì 14 dicembre decorreranno i movimenti in ambito nazionale di diversi primi dirigenti della Polizia di Stato investiti della funzione vicariale. Sono Funzionari di qualifica parificata al grado di colonnello, destinati a svolgere incarichi di primo livello nelle questure. E destinati nel breve e medio periodo a diventare questore.

A ricoprire la funzione di vicario a Grosseto è stato designato il dirigente della squadra mobile fiorentina, Nino De Santis. Va a sostituire la collega Rosa Angelo, che passerà con analogo ruolo alla questura di Viterbo.  Il dr. De Santis, in Polizia dal 1994,  era arrivato nella nostra città nel maggio 2018. In questi due anni e mezzo di permanenza ha confermato le doti di eccellente investigatore già evidenziate nella precedenti sedi, portando a felice conclusione  con i suoi uomini diverse indagini laboriose e delicate. Ricevendo il plauso dell’Autorità giudiziaria e dei vertici del Dipartimento della PS. Questo passaggio  deve considerarsi per il dr. De Santis  un manifesto riconoscimento per i suoi indiscussi meriti professionali.

La velina vede anche il movimento di Mario Barbato, vicario del questore di Prato, chiamato a svolgere analoghe funzioni a Lucca. A Prato è atteso Francesco Triggiani, attuale dirigente del Commissariato di PS di Trani (Bari).

Non è ad oggi noto il nome del Funzionario al quale sarà affidata la direzione  della Squadra mobile fiorentina. Ai due funzionari che lasciano Firenze e Prato, e che comunque rimarranno a prestare servizio nella nostra Regione, vanno i più sentiti ringraziamenti della redazione e un sincero in bocca al lupo.


Sergio Tinti

già Comandante Polizia Stradale della Toscana

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080