Migranti: immigrazione illecita, 16 persone ai domiciliari e 56 indagati

Gli uffici della Procura della Repubblica di Potenza

POTENZA – La Polizia sta eseguendo 16 misure cautelari nell’ambito di un’inchiesta, coordinata dalla Procura della Repubblica di Potenza, su un’organizzazione che favoriva l’ingresso o la permanenza di stranieri in Italia, dietro illecita remunerazione.

Prezzo di partenza per un permesso di soggiorno in Italia di nove mesi, cinquemila euro: ma si poteva scendere fino a 1.500, in base al numero di richieste o di rapporto personale o di parentela: è il prezzario stabilito dalla filiera specializzata nel far entrare e soggiornare immigrati in Italia, sgominata oggi dalla Polizia, con 16 persone finite agli arresti domiciliari e 56 indagati nel Potentino e nelle province di Milano, Firenze, Foggia e La Spezia.
Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Potenza, sono cominciate nel 2018, dopo una segnalazione del Servizio centrale operativo della Polizia di Stato. L’organizzazione operava da tempo (sette o otto anni, secondo i primi risultati degli accertamenti) per regolarizzare la posizione di cittadini stranieri in Italia, che così, forniti di permessi di soggiorno regolari, potevano circolare liberamente nell’Unione Europea.

illeciti, immigrazione, permessi


Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080