Lotteria Italia: crollo dei biglietti, 30% in meno del 2019. Venduti solo 4,7 milioni

L’edicola di Ciro Maniglia in piazza Principe Umberto, dove e’ stato vinto il secondo biglietto fortunato della lotteria Italia, Napoli, 7 gennaio 2019. ANSA/CESARE ABBATE

ROMA – Il terrore sparso dagli annunci esiziali di Conte, Arcuri, Speranza e compagni delle 4 sinistre ha avuto effetto sugli italiani, che restano chiusi in casa e non hanno acquistato neppure i biglietti della Lotteria Italia. Un vero e proprio boomerang per Giuseppi e Gualtieri.

Anche la Lotteria Italia risente della crisi legata al Covid-19. Per l’edizione 2020, infatti, sono stati acquistati appena 4,7 milioni di biglietti con un calo del 30% rispetto all’anno precedente. Stando ai dati forniti dall’agenzia specializzata Agipronews, infatti, si tratterebbe di un crollo storico che non si registrava da 40 anni, con un incasso pari a circa 23,5 milioni di euro. Lo scorso anno i biglietti venduti erano stati 6,7 milioni, per un incasso di 34 milioni di euro. Le cause principali del calo sono legate proprio alla pandemia, tra restrizioni alle attività commerciali e limitazioni negli spostamenti. Provvedimenti che, secondo gli esperti, hanno fortemente condizionato le vendite in stazioni ferroviarie, autogrill e aeroporti, luoghi dove tradizionalmente la Lotteria Italia mantiene il suo appeal affiancando la rete distributiva delle tabaccherie. Positivi segnali sono arrivati dall’acquisto di biglietti online, anche se non sufficienti per coprire le perdite registrate nel canale retail. Mercoledì 6 gennaio, nel corso della trasmissione Rai “Soliti ignoti”, saranno annunciati i biglietti vincenti i premi di prima categoria, di cui il primo da 5 milioni di euro.

biglietti, calo, lotteria


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080