Lanuvio (Roma): 5 morti e 7 intossicati gravi in casa di riposo per ossido carbonio

ANSA/CLAUDIO PERI

LANUVIO (ROMA) – ‘Tragedia questa mattina nella casa di cura Villa dei Diamanti, a Lanuvio, Roma. Dieci pazienti e due operatori sanitari sono stati trovati privi di sensi e cinque pazienti, dopo le primissime verifiche, sono risultati morti. A lanciare l’allarme questa mattina un addetto alla struttura dopo essere entrato nella casa di cura in via di Monte Giove Nuovo. Sul posto sono intervenuti vigili del fuoco, 118 e carabinieri, che stanno cercando di accertare le cause. I pompieri sono presenti con le apparecchiature per rilevare eventuali sostanze tossiche. Sull’episodio indagano i Carabinieri della Stazione di Lanuvio e della Compagnia di Velletri.

La struttura di Lanuvio, Villa Diamanti non è un Covid Center né una struttura di carattere sanitario, ma si tratta di una casa di riposo per anziani su cui erano in corso le indagini epidemiologiche da parte del Dipartimento di Prevenzione della Asl Roma 6 per un caso di positività riscontrato il 13 gennaio su un operatore socio-assistenziale della struttura, lo comunica l’Unità di Crisi Covid-19 della Regione Lazio. Operatori e ospiti erano stati tutti sottoposti a tampone il giorno seguente e ieri sera si è avuto riscontro di 3 operatori risultati positivi e 9 ospiti positivi – ha aggiunto l’Unita’ di Crisi .

Stamani, secondo quanto appreso dal direttore sanitario della Asl Roma 6, era prevista la presa in carico della Asl per i trasferimenti nei reparti Covid. Due operatori socio-assistenziali sono stati trasferiti, appena giunti sul posto i soccorsi, al Policlinico di Tor Vergata e cinque ospiti anziani al nuovo ospedale dei Castelli tutti con sintomi riconducibili a intossicazione da monossido di carbonio. Sono in corso i sopralluoghi da parte del competente Dipartimento di prevenzione della Asl Roma 6 e vi è un costante aggiornamento attraverso il direttore generale della Asl Roma 6, Narciso Mostarda e il direttore sanitario della Asl Roma 6, Roberto Corsi.

«Ancora una volta anziani e operatori sanitari di una residenza assistenziale sanitaria sono decedute per l’incuria e il degrado che in cui sono stati lasciati da Zingaretti e da un governo che ha abbandonato i più deboli. A Lanuvio si è consumata l’ennesima tragedia che non può passare sotto silenzio. Alle famiglie delle vittime va tutto il nostro cordoglio e la nostra vicinanza. Un Covid center non può trasformarsi in luogo di lutto ma dovrebbe essere un posto sicuro dove curare anziani e persone in difficoltà. Zingaretti e Conte sono più impegnati a racimolare voti per salvare questa ridicola maggioranza che ad aiutare chi già vive una situazione molto delicata. I responsabili di questo scempio è ora che lascino il posto a chi veramente ha a cuore gli interessi del Paese e dei più deboli’». Così Claudio Durigon coordinatore del Lazio della Lega-

anziani, casa riposo, morti, Zingaretti


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080