Incontro ufficiale a Palazzo Borromeo

Patti Lateranensi: Draghi incontra vertici della Santa Sede

Mario Draghi (C),  Cardinal Pietro Parolin ANSA/ALESSANDRO DI MEO

ROMA – Draghi incontra vertici vaticani. Si è celebrato, all’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede (Palazzo Borromeo), il 92mo anniversario dei Patti lateranensi alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, del Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi e delle più alte cariche istituzionali della Repubblica italiana e della Santa Sede.  E’ stato il primo incontro di Mario Draghi in qualita’ di capo del governo italiano con i vertici della Santa Sede.

Draghi ha avuto modo di incontrare il segretario di Stato vaticano, cardinale Pietro Parolin. Incontro privato, avvenuto – secondo quanto si apprende – in un clima di grande cordialita’. Non solo temi nazionali (come la richiesta di portare al centro dell’opera del governo la famiglia), ma Parolin ha voluto affrontare questioni internazionali soprattutto nell’anno in cui l’Italia presiede il G20.

C’e stato un confronto ampio, sereno e franco su tutti i temi, dalla famiglia alla scuola. Clima davvero molto costruttivo. L’ha detto il presidente della Cei, il cardinale Gualtiero Bassetti, lasciando Palazzo Borromeo dove si è svolta la cerimonia per il 92esimo anniversario dei Patti Lateranensi.

Bisogna ridare speranza al Paese. Si percepisce una situazione di depressione, e l’importante è che il governo tra le priorità riesca anche veramente a dare speranza. E in questo anche la Chiesa potrà essere di grande aiuto e di grande vicinanza. Così il card. Pietro Parolin, segretario di Stato Vaticano, in un’intervista al Tg3 prima del vertice bilaterale Italia-Santa Sede. L’auspicio, con la nascita del nuovo governo, è per la gran parte delle forze politiche trovare uno spirito d’intesa, di collaborazione tra le parti, e lavorare effettivamente per il bene comune per rispondere veramente ai gravi problemi dell’Italia di oggi.

 

draghi, Parolin, vaticano

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080