Festival di Sanremo 2021: dedicato all’Italia che lotta. Amadeus: appello per Zaki. Bertè: scarpe rosse (Foto)

Amadeus con Matilda che parla deol bacio nella storia. Compare la foto del marinaio e dell’infermiera che festeggiano la fine della guerra
(Foto ANSA)

SANREMO – Senza pubblico, ma vicino alla gente: ecco Sanremo 2021. Dove Amadeus lancia l’appello per Patrick Zaki: torni libero presto. Loredana Bertè porta le scarpette rosse contro il femminicidio e riceve il ringraziamento della ministra Bonetti. Dove Matilda porta sul palco un elogio del bacio al tempo delle mascherine e della pandemia. Matilda mostra la foto del bacio più celebre della storia: il marinaio e l’infermiera che si baciano a New York per festeggiare la fine della Seconda Guerra Mondiale.  Dove look total silver e piedi nudi sul palco per Madame: la più giovane cantante in gara tra i Big quest’anno, con 19 anni e un mese. Eppoi l’incontenibile Fiorello, capace d’innalzare a spettacolo anche l’elogio delle poltrone, vuote, ossia libere dai sederi che l’hanno sempre occupate. Che dire? Un Sanremo diverso, gradevole anche se infinitamente lungo e, a tratti, perfino oppressivo. Però, considerata l’Italia confinata e bloccata, diciamo che fatto così rappresenta una boccata d’aria.

ANSA/ETTORE FERRARI

NUOVE PROPOSTE – «Quest’anno il cuore batte più forte rispetto all’anno scorso». Emozionato, Amadeus apre la 71/a edizione del Festival facendosi il segno della croce prima di scendere la mitica scala. Poi legge le ultime righe di una lettera scritta al direttore di un giornale (Leggo, ndr) per dare il senso di questa edizione: «L’ho fatto con tutto me stesso, pensando a chi vive di musica, tv, spettacolo, al Paese reale che sta lottando per ritrovarsi. Non ho spettatori in sala – spiega mentre la regia spazia sulla platea vuota – ma avrò applausi registrati e mi rincuora pensare che siano vostri, da casa». Quindi irrompe Fiorello. Cappa ampia decorata con fiori colorati, occhiali neri fiammeggianti, rossetto e smalto nero un morgan testa di moro, e cantando una versione rock italo-inglese maccheronico di Grazie dei Fior, Fiorello fa il suo ingresso sul palco dell’Ariston per il via del 71/o festival di Sanremo. Un po’ trasformismo alla Achille Lauro, un po’ Cirque du Soleil, il mattatore esordisce marchiando Amadeus con un bacio in fronte. Poi si rivolge alla platea vuota. E via con le nuove proposte: Folcast con il brano Scopriti e Gaudiano con Polvere da sparo sono i primi due a passare direttamente alla finale di venerdì. Sono  eliminati Elena Faggi con Che ne so e Avincola con Goal!. A decidere il risultato è stata la combinazione di televoto (34%), giuria Demoscopica (33%), Sala Stampa (33%).

ANSA/ETTORE FERRARI

BALLERINE E PIUME – Hai presente Draghi, è Merkel con la cravatta, ci sta guardando con il suo Telefunken: le auguriamo un buon lavoro presidente. E’ una figura di alto profilo, ha 19 lauree, se le cancella dal curriculum, parla cinque lingue, ma contemporaneamente. Spunta la politica nel nuovo intervento di Fiorello che canta e balla con Amadeus la sigla del festival Love Sanremo: su coreografia di Franco Miseria, con tanto di ballerine dalle enormi piume bianche, i due danno il bentornato al festival e giocano a fare i nuovi Brian e Garrison. Fiorello racconta come Amadeus gli ha proposto il bis a Sanremo: era agosto, mi fa chiamare dall’ombrellone: Ciuri, lo dobbiamo rifare, mi ha chiamato Paolo Fox. Stavolta finisce qua, non è che ti chiama Otelma e cambi idea. E continua a far rumore Diodato. Dopo la vittoria di un anno fa al Festival, prima che il mondo piombasse nel silenzio della pandemia, il cantautore è tornato con la sua intensa Fai Rumore sul palco dell’Ariston. “L’ultima immagine felice di un intero paese – ha detto Amadeus – e quella gioia la vogliamo rivivere”.

BIG – Poi parte la gara dei Big: la prima ad esibirisi Arisa, Colapesce Dimartino, Aiello, Francesca Michielin e Fedez, Max Gazzè, Noemi, Madame, Maneskin, Ghemon, Coma_Cose, Annalisa, Francesco Renga, Fasma. Il voto di stasera sarà quello della giuria demoscopica e a fine serata sarà resa nota la prima classifica. Ce l’ho fatta, sospira di sollievo Matilda De Angelis al suo ingresso sul palco dell’Ariston, dopo aver superato la temutissima prova della scala. Questo palco ti fa dimenticare tutte quelle cose che sai fare, anche quelle basiche, come produrre saliva, dice l’attrice, abito amaranto con la gonna a palloncino e i fiocchi sulle spalle. Poi scherza sul suo rapporto con Nicole Kidman e Hugh Grant con cui ha diviso l’esperienza internazionale della serie The Undoing: Ho bloccato Hugh Grant su Whatsapp perché manda vocali di 4-5 minuti e poi sta nella chat con Sean Penn e Tarantino con cui non ho molto da dire.

IBRAHIMOVIC – E’ un onore essere qua, ma è anche un onore per te avermi qua. Normalmente mi sento grande, potente, qua mi sento piccolo, ma sempre più grande e più potente di te. Elegante in smoking, la spilla argentata enorme con il suo nome, Zlatan Ibrahimovic entra in scena all’Ariston e, giocando la carta dell’ironia, prova a dettare le regole del ‘suo’ festival. “Il direttore è Zlatan, me l’ha detto Zlatan. Regola numero uno, il festival sarà di 22 cantanti, 11 contro 11. Gli altri? Li vendiamo al Liverpool che sta cercando 4 difensori. Regola numero due, il palco non va bene, deve essere 105 metri per 68, come San Siro, sennò il festival è annullato.

Un nastro di raso bianco, a dividere e allo stesso tempo ad unire. Fedez e Francesca Michielin arrivano sul palco con una lunga striscia di stoffa che utilizzano per segnare la distanza prevista dai protocolli. Alla fine dell’esibizione i due artisti però annullano le distanze e si abbracciano in una stretta liberatoria. Ci siamo sentiti oggi con il ministro Speranza: mi chiedeva di ricordare a tutti che c’è un solo modo per uscire dalla pandemia: al di là dei vaccini, speriamo tantissimi, dobbiamo usare la mascherina, mantenere le distanze, lavarci le mani. E’ importantissimo, per tornare alla normalità. E’ l’appello lanciato da Amadeus all’Ariston, introducendo Alessia Bonari, l’infermiera la cui foto con il volto segnato dall’uso prolungato della mascherina ha fatto il giro del web. La situazione è sempre la stessa: ci tengo a mandare un messaggio: non abbassiamo la guardia, continuiamo a stare attenti, uniti ce le faremo, dice Bonari. Non mi sarei mai aspettata di diventare un’eroina – aggiunge Bonari – quella mia foto è stata condivisa dalle mie sorelle, da un amico, ed è diventata virale. All’inizio avevo un po’ di paura, ero intimidita. Ma vivo tutto questo con un grande senso di responsabilità, per il lavoro di tutti gli operatori sanitari”. Su Twitter risponde il ministro Speranza: Grazie Amadeus e grazie Alessia. Il virus si può battere solo con l’impegno di tutti. #Sanremo2021.

LOREDANA E SCARPE ROSSE – Loredana Bertè porta sul palco dell’Ariston la denuncia contro la violenza sulle donne. Durante la sua esibizione, oltre a un fiocchetto rosso in bella vista sulla giacca, ha tenuto una scarpa rossa, simbolo delle manifestazioni contro i femminicidi. Minigonna d’ordinanza e farfalle tra i capelli, Loredana Bertè ha ripercorso la sua carriera con un medley di Mare d’inverno, Dedicato, Non sono una signora, Sei bellissima. Peccato la mancata standing ovation, che avrebbe meritato, compensata da una standing ovation d’annata del 1994 (con immagini di repertorio). “Grazie per avermi permesso di portare il messaggio contro la violenza sulle donne. Al primo schiaffo bisogna denunciare”, ha detto la Berté prima di congedarsi con il suo ultimo brano Figlia di.

Ama stupire Max Gazzè e stavolta lo fa nei panni di Leonardo da Vinci, con tanto di barba lunga, mantello di velluto lungo e merletti, accompagnato dalla sua Trifluoperazina Monstery Band, ovvero i cartonati di Marilyn Monroe, della regina Elisabetta, Paul McCartney, Jimi Hendrix, Igor di Frankestein jr. Quando mostra le spalle alla telecamera sulle spalle la scritta Da Vinci e il numero 11, il marcatore del festival.

Dal palco dell’Ariston Amadeus ha poi lanciato un appello per la liberazione di Patrick Zaki, lo studente 29enne dell’Università di Bologna: “Rischia una condanna a 45 anni di carcere: da cittadini e uomini civili non possiamo che augurarci che Patrick torni libero il più presto possibile e possa riprendere a studiare nella sua Bologna”. Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International, ringrazia su Twitter il conduttore del festival per aver accolto l’invito a rilanciare l’appello per la liberazione dello studente detenuto in Egitto: Grazie Amadeus #Sanremo2021 #freepatrickzaki. Un collare di piume rosa, capelli blu e un’armatura che potrebbe ricordare quelle dei manga giapponesi non fosse per i glitter, e poi a metà esibizione lacrime di sangue che scendono copiose sul volto truccato di Achille Lauro che canta Solo noi. Riferimenti alla croce di spine di Gesù, alle statue di Madonne e Santi piangenti, il volto coperto dal trucco lacrima che lo rovina.

Amadeus, appello per Zaki, Avincola, Elena Faggi, Festival di Sanremo 2021, Fiorello, Folcast, Gaudiano, Ibrahimovic, Le nuove proposte, Loredana Bertè, scarpe rosse


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080