Fiorentina a Verona (martedì, 20,45, Sky): per vincere e basta. Formazioni

Amrabat: torna in campo contro la sua ex squadra, il Verona (Foto Violachannel)

VERONA – Una sola parola: vincere. E basta. La Fiorentina, reduce dal disastro di Sassuolo (un disastro figlio di un secondo tempo terrificante, dopo una buonissima prima frazione di partita), non può permettersi altro risultato a Verona (marted 20 aprile, ore 20,45, diretta tv su Sky) dopo gli incubi delle ultime 48 ore. Incubi resi ancora più spaventosi dalle vittorie di Torino e Cagliari, ora spavaldamente lanciati verso quella salvezza che la Fiorentina, pur senza dirlo, pensava di poter raggiungere senza batticuore. E c’è di peggio: contro il Verona la Fiorentina ritroverà quell’Ivan Juric, che avrebbe potuto divcentare allenatore viola e che, invece, si sentì dire che no, insomma, sareb be rimasto Iachini. Naturale che lui ci tenga a far vincere il Verona e a dare un’altra spinta alla Fiorentina verso la serie B. E allora? Basta impedirglielo con due tempi (e non uno solo) come il primo contro il Sassuolo. E’ vero che il Verona gioca a memoria, un po’ come Atalanta e lo stesso Sassuolo, ma una Fiorentina che sappia usare anche testa e cuore ce la può fare. Anzi, ce la deve fare.

FORMAZIONE – L’inserimento dal primo minuto di Martinez Quarta in difesa e Amrabat a centrocampo sono le novità principali a cui sta pensando viola Beppe Iachini. Anche per la rinuncia forzata a Milenkovic, squalificato, comunque partito con i compagni nel pomeriggio per Verona. Amrabat torna in campo contro la sua ex squadra: quel Verona nel quale aveva fatto meravigflie, al punto da far innamorare Commisso. Meraviglie non cinfermate, almeno finora, in viola. Che provi, Sofyan, a fare una partita con i fiocchi conmtro i suoi ex compagni. Per il resto, l’allenamento andato in scena in casa viola, questa mattina, al centro sportivo Davide Astori, ha visto un lavoro particolarmente intenso del gruppo gigliato sulla fase difensiva e le situazioni di palla inattiva, il tutto preceduto dallo svolgimento di esercizi di riscaldamento fisico-atletico. Iachini non parla: è in silenzio stampa come tutti. Un silenzio che può darsi continui anche dopo Verona, ossia in vista della partita di domenica, al Franchi, contro una Juventus malmessa, che, forse per paura di non qualificarsi per la Champions, pensa bene di dar vita alla Superlega, cioè quel campionato per grandissimi e ricchissimi, dove si gioca da fondatori, quindi senza dover sudare per qualificarsi. E da dove non si retrocede. Ma dai!

JURIC – Poteva essere lui, Iva Juric, l’allenatore della Fiorentina: poi gli dissero che c’era stato un ripensamento. E che sarebbe rimasto Iachini. Pazienza, abbiamo scherzato. Vorrà vendicarsi contribuendo a spedire i viola in B? Certamente farà di tutto perchè il Verona vinca. Intanto, in conferenza stampa, ha detto: «La stagione della Fiorentina è inspiegabile. Per la rosa che hanno dovevano fare molto meglio. Anche contro il Sassuolo avrebbero potuto fare tre o quattro gol e invece poi, alla fine, hanno perso. Francamente non mi spiego la classifica della Fiorentina per la qualità della rosa che ha». Forza viola, fategli una sorpresa: e vincete al Bentegodi!

Le probabili formazioni

Verona (3-4-2-1): Silvestri; Dawidowicz, Gunter, Magnani; Faraoni, Sturaro, Veloso, Lazovic; Barak, Zaccagni; Lasagna. All. Juric

Fiorentina (3-5-2): Dragowski; Caceres, Pezzella, Quarta; Venuti, Castrovilli, Amrabat, Bonaventura, Biraghi; Ribery, Vlahovic. All. Iachini

Arbitro: Prontera (Bologna)

Diretta TV SKY, ore 20.45

Amrabat, Fiorentina, Iachini, Juric, Verona


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
Scrivi al Direttore

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080