Irpet: Pil toscana giù del 12% nel 2020. Ma nel 2021 crescerà del 3%. Sono a rischio 33mila posti di lavoro

BENVENUTI-ANSA

FIRENZE – Le stime dell’Irpet (istituto regionale per la programmazione economica della Toscana) sono precise: nel 2020 il Pil regionale è calato del 12%, bruciando 14 miliardi di euro per effetto della crisi generata da pandemia e lockdown, mentre nel triennio appena iniziato si stima una crescita del 3% per il 2021, del 3,6% per il 2022, e del 2,2% per il 2023: sono i dati che emergono dal rapporto Irpet ‘La Toscana un anno dopo l’epidemia. Bilancio e prospettive presentati in un evento online con istituzioni, associazioni di categoria e sindacati.

La mortalità d’impresa, secondo l’Irpet, rischia di raddoppiare per effetto del Covid: nel 2021 si stima che la probabilità media di morire di un’impresa sarà, nel manifatturiero, pari al 5,9% quando, in tempi normali, si valuta che possa essere attorno al 3%. Nel mondo del lavoro si contano 117mila dipendenti in meno, di cui 23mila persi e 94mila congelati, con 192 milioni di ore di lavoro in meno pari a 908 milioni di retribuzioni perse. L’Irpet teme un deterioramento del mercato del lavoro che, dopo il congelamento attuale, potrebbe avere una fuoriuscita di persone dal processo produttivo pari a circa 33mila unità, e dunque si rischia di avere 58mila poveri in più.

Irpet, Pil toscana, posti di lavoro


Ernesto Giusti


Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080