Skip to main content

Milan strapazza la Juve (3-0) allo Stadium. Passo in avanti verso la Champions

ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

TORINO – Nella lotta per un posto Champions impresa del Milan, che nel posticipo passa 3-0 sul campo della Juventus (a segno Diaz, Rebic e Tomori, Kessiè si fa parare un rigore) e si installa al terzo posto, mentre i bianconeri si allontanano dall’Europa che conta. L’Atalanta strapazza, come da copione, il Parma ormai in B e si istalla al secondo posto da sola.

I momenti clou del match dominato dai rossoneri, Juventus non pervenuta, Al 45’+1 Diaz porta in vantaggio gli ospiti, al 58′ Kiessie si fa parare un calcio di rigore da Szczesny, al 78′ Rebic raddoppia per i rossoneri, all’82’ Tomori cala il tris per gli uomini di Pioli.

ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

Fra i peggiori nella Juventus Ronaldo e Chiesa, sostituito nella ripresa da Dybala.

C’èra anche John Elkann all’Allianz Stadium per Juventus-Milan: il presidente di Exor e Stellantis, infatti, ha voluto mostrare così la sua vicinanza ad Andrea Pirlo e ai bianconeri per questo spareggio Champions. Insieme al cugino Andrea Agnelli, a Fabio Paratici e a Pavel Nedved, Elkann ha osservato da bordocampo il riscaldamento di Cristiano Ronaldo e compagni.

Pioli, ho visto un Milan che ci ha creduto – “Ho visto la prestazione di una squadra che ci ha creduto, che ha giocato con spirito si sacrificio ed impegno. Siamo contentissimi per i tifosi che oggi ci hanno emozionato con il loro affetto”. Stefano Pioli, parlando a Sky, ha esposto così la sua soddisfazione per il 3-0 ottenuto dal Milan sul campo della Juventus. “Abbiamo vinto uno scontro diretto per la Champions, sentivamo l’importanza di questa partita, però non è l’ultima e c’è ancora da lottare ed al prossimo turno ci attende un altro impegno difficilissimo” ha commentato l’allenatore rossonero. “Abbiamo preparato la partita cercando di essere aggressivi e quando non ci siamo riusciti ci siamo comunque abbassati bene – ha aggiunto – senza rischiare molto. Alleno una squadra molto giovane, ma che sta maturando e questa sera lo abbiamo dimostrato”. Unica nota stonata l’uscita di Ibrahimovic per infortunio: “Ibra ha un ginocchio un po’ dolente, non credo che sia qualcosa di grave” ha concluso Pioli.

Pirlo, io vado avanti finché mi sarà consentito – “Avevo detto di aver visto bene la squadra in settimana, di averla vista allenarsi con convinzione e determinazione, in vista di una partita importante come quella con il Milan. Invece purtroppo non è stato così. Siamo anche partiti bene, poi ci siamo disuniti”. Andrea Pirlo, parlando a Sky, ha ammesso che contro il Milan “tante cose non hanno funzionato”. Ma alle dimissioni non pensa proprio: “Io da parte non mi metto, ho cominciato con tanto entusiasmo, sono a disposizione, penso di poter fare meglio ed uscire con la squadra dal momento difficile. Continuerò a fare il mio lavoro finché mi sarà consentito”. “Avevo in testa un progetto diverso, ma con certi tipi di giocatori diventa più difficile realizzarlo – ha aggiunto l’allenatore – Però ho comunque a disposizione dei campioni e se non ho tirato fuori da loro il massimo è senz’altro colpa mia”. Pirlo non ha cercato nemmeno l’alibi di certi episodi avvenuti durante la stagione, dall’esame di italiano di Suarez alla vicenda Superlega: “La società mi è stata sempre vicina, mi ha dato grande libertà. Sono successe delle cose fuori dal campo, ma non hanno mai intaccato la serenità dello spogliatoio”


Paolo Padoin

Già Prefetto di FirenzeMail

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741