Morte di Luana: s’indaga sul contratto d’assunzione, oltre che sull’orditoio forse manomesso

Il murale per Luana D’Orazio, dipinto da Jorit, street artist fra i più apprezzati

FIRENZE – Potrebbero essere arrivate a una svolta, le indagini della magistratura sulla morte, in fabbrica, di Luana d’Orazio, finita negli ingranaggi dell’orditoio dell’azienda tessile nella quale la giovane operaia lavorava. Oltre che sull’eventuale manomissione dell’orditoio, il macchinario tessile dove la ragazza ha perso la vita, le indagini riguardano anche il tipo di contratto con la quale era stata assunta. Sembra infatti, da un primo esame delle carte, che Luana fosse stata inquadrata con semplici mansioni di catalogazione e che dunque non avrebbe potuto lavorare ai macchinari presenti nella fabbrica e dunque neppure all’orditoio.

Su questo aspetto sono attualmente in corso ulteriori accertamenti. Il legale della famiglia di Luana, l’avvocato Daniela Fontaneto, non ha commentato le ultime notizie e chiede il massimo riserbo sulla vicenda «fintanto – dice – che c’è un indagine in corso». Due, al momento, le persone che figurano nel registro degli indagati, la titolare dell’azienda e il responsabile della manutenzione del macchinario.

 

azienda tessile, contratto d'assunzione, Morte di Luana D'Orazio, orditorio, procura di Prato


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080