Londra: allarme variante Delta, Ospedali britannici in stato d’allerta

ANSA/ANDY RAIN

LONDRA – Sono in stato di allerta gli ospedali britannici, dove c’è preoccupazione per gli effetti della variante Delta del coronavirus, ‘più trasmissibile e contagiosa rispetto a quella inglese e anche più virulenta e aggressiva rispetto alla Alpha.

Lo spiega ad Adnkronos il primario di Chirurgia della Mano al Guy’s & St Thomas’ Hospital di Londra e professore associato onorario all’università King’s College, Lorenzo Garagnani, il primo italiano vaccinato contro il Covid-19 in Gran Bretagna nel dicembre dello scorso anno. La variante Delta ha anche cambiato le regole del gioco e le carte in tavola rispetto al programma di vaccinazione avviato in Gran Bretagna perché pare che una singola dose di vaccino non sia così efficace come sulla variante Alpha, ha detto Garagnani, spiegando che si sta assistendo a una corsa contro il tempo. Per questo ilgoverno ha accorciato i tempi tra la prima e la seconda dose del vaccino, riducendo da tre a due mesi l’intervallo per gli over 40, mentre dal punto di vista ospedaliero siamo pronti a nuove potenziali ondate, facciamo riunioni strategiche e programmatiche, non abbiamo allentato la presa. E questo crea sconforto, perché nel Regno Unito la riduzione dei contagi era stata davvero notevole e il numero dei malati e dei pazienti ricoverati si era abbassato notevolmente. Tra i medici c’è la paura che accada come in passato e in ospedale i numeri dei ricoveri tornino a salire. Lo sapremo tra qualche tempo perché il Covid ha una manifestazione clinica non immediata

In ogni caso, Garagnani sottolinea che nel Regno Unito abbiamo un numero di vaccinati elevatissimo. Non siamo ancora all’optimum, ma ci arriveremo con una rincorsa al vaccino più adeguato finché questo malefico coronavirus non diventi come un virus dell’influenza.

allerta, Delta, londra, ospedali

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080