Blinken: coalizione anti Isis essenziale per sconfiggere terrorismo

EPA/JEON HEON-KYUN/POOL

ROMA – La Coalizione globale anti Isis è stata un elemento cruciale per ottenere la sconfitta territoriale dello Stato islamico in Iraq e Siria. Lo ha sottolineato il segretario di Stato Usa Antony Blinken nel suo intervento introduttivo alla riunione ministeriale della Coalizione globale anti Isis in corso a Roma. I Paesi della Coalizione, ha aggiunto, devono “impegnati” verso gli obiettivi fissati dalla Coalizione. In particolare, Blinken ha citato la presenza di 10mila combattenti dell’Isis ancora presenti in Siria, che costituiscono una situazione insostenibile.

Gli Stati Uniti, riguardo ai 10mila combattenti dell’Isis ancora detenuti in Siria, ha detto Blinken nel suo intervento, continuano a chiedere ai Paesi della regione, compresi i partner della coalizione, di rimpatriare, riabilitare e dove necessario perseguire i loro cittadini. In questo ambito, ha aggiunto il capo della diplomazia Usa, l’Italia si è distinta come uno dei pochi Paesi dell’Europa occidentale disponibile a far tornare i propri cittadini dalla regione  e recentemente ha rimpatriato una foreign fighter donna con i suoi figli.

Per gli Usa, ha proseguito Blinken, è necessario garantire che la sconfitta duratura dell’Isis si traduca anche nel contrastare in maniera efficace la minaccia dell’Isis al di fuori di Iraq e Siria. Per questo, Blinken, sulla scia di quanto annunciato nel suo intervento da Luigi Di Maio, ha chiesto di impiegare la discussione odierna per espandere i piani della Coalizione per fronteggiare l’Isia anche in Africa

Blinken, isis, terrorismo


Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080