Nola: due misure cautelari, accusa estorsione e tentata estorsione con metodo mafioso

Pattuglia dei carabinieri

NOLA – I carabinieri della Compagnia di Nola, hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione di misura cautelare personale emessa dal Gip di Napoli nei confronti un 50enne e un 37enne, entrambi di Cicciano, sottoposti, nell’ordine, alla custodia cautelare in carcere e al divieto di dimora in Campania, poiche’ gravemente indiziati, a vario titolo, di estorsione e tentata estorsione aggravate dal metodo mafioso.

Le indagini,condotte dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia diNola, hanno consentito di accertare che gli indagati, tra il 2018e il 2019, in qualita’ di appartenenti al clan Nino, gia’ operantenel Comune di Cicciano, hanno avanzato reiterate richieste estorsive ai danni di un commerciante di Camposano facendosi consegnare la somma di 400 euro, minacciandolo di determinare l’interruzione della propria attivita’ lavorativa. Il 50enne e’stato raggiunto dalla nuova misura cautelare nel carcere di Napoli Poggioreale, dove risultava gia’ detenuto per altra causa, mentre il 37enne e’ stato rintracciato e allontanato dal territorio regionale.

camorra, cautelari, misure


Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080