Codacons: decreto Covid crea ingiuste discriminazioni fra i cittadini. Chiede green pass anche nelle chiese

ROMA – Il nuovo decreto Covid che introduce il Green pass dal 6 agosto per accedere a tutta una serie di servizi
«crea ingiuste discriminazioni tra cittadini e dimentica una serie di luoghi dove si creano pericolosi assembramenti». Lo afferma il Codacons, che sottolinea come «il decreto, inspiegabilmente, non abbia validità per i luoghi di culto, mettendo così a rischio la salute dei fedeli e allontanandoli dalle funzioni religiose. Dal 6 agosto chi vuole prendere un caffè al bar, partecipare a eventi, o andare in palestra, dovrà mostrare la certificazione verde, anche se accede ad un luogo deserto – spiega il Codacons – Se però si entra in una chiesa affollata di fedeli o in qualsiasi altro luogo di culto, il Green pass non sarà richiesto, poiché il Governo, evidentemente, non considera tali posti a rischio Covid».
Una decisione «paradossale e assurda» contro cui il Codacons chiede al Governo di correre ai ripari, rivedendo i criteri con cui sono state definite le situazioni che richiedono la presenza del Green pass, ed inserendo le chiese tra i luoghi che necessitano della certificazione sanitaria»

codacons, discriminazioni, green pass


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080