No green pass: decine di migliaia di manifestanti in piazza in tutt’Italia, disordini a Roma

ANSA/MARCO OTTICO

ROMA – Disordini durante la manifestazione contro il green pass a Roma. Le forze dell’ordine sono intervenute disperdendo i manifestanti anche con l’utilizzo dei mezzi blindati., manco si fosse in guerra. Ma il governo è scatenato contro chi contesta vaccinazioni e green pass. Al grido di No al green pass e Libertà circa tremila persone, secondo la questura, hanno manifestato in piazza del Popolo, al centro della capitale. In pochi indossano le mascherine. L’iniziativa è stata lanciata sui social dal Movimento nazionale no green pass. Secondo quanto si apprende per la protesta, lanciata con un tam tam sui social, non è stato presentato preavviso. Slogan anche contro il virologo Roberto Burioni.

Non sono contro il vaccino, ma il green pass è un danno per l’economia. In molti rischiamo di fallire. A dirlo Angelo, un ristoratore in piazza del Popolo per la protesta contro il green pass. Io non mi sono vaccinato e non lo farò – aggiunge un pensionato – non possono costringerci. Tra i cartelli esposti: No ai vaccini fatti con i fratelli animali.

In centro storico a Bolzano si è svolta una manifestazione contro il green pass, indetta sui social media con lo slogan Fuer Demokratie (per democrazia). Un migliaio di partecipanti hanno scandito in coro libertà! libertà!. No obbligo vaccinale, no green pass si leggeva, tra l’altro, sui striscioni. Sul palco è intervenuta anche l’avv. Renate Holzeisen, legale di sanitari no vax in Alto Adige.

Manifestazione anche a Firenze contro il green pass: un migliaio di persone si sono ritrovate in piazza della Signoria e altrettante vicino alla Fortezza. Quando le forze dell’ordine hanno invitato i manifestanti a spostarsi da Piazza della Signoria nella vicina piazza San Firenze molti  si sono seduti a terra, in mezzo anche ai turisti. ‘Libertà’ lo slogan scelto dai manifestanti, in molti senza mascherina, che hanno portato alcuni striscioni con su scritto ‘Green pass? No grazie. Altri slogan: Sul mio corpo decido io’ e ‘Per una democrazia vera! Che non fomenti l’odio, che rispetti il dissenso’.

Il corteo dei no green pass di Milano, con migliaia di persone, ha sfilato per le strade del centro città con i manifestanti che hanno urlato libertà, libertà e con in testa lo striscione con la scritta Fuori i Big Pharma dallo Stato. No alle multinazionali. Il corteo ha attraversato piazza Duomo e Galleria Vittorio Emanuele sotto lo sguardo attonito di chi stava facendo shopping, per poi fermarsi in piazza Scala davanti alla sede del Comune dove i manifestanti hanno scandito insulti contro il premier Mario Draghi Esposti stelle di David con la scritta non vaccinati = ebrei e cartelli con le svastiche paragonate al green pass. In piazza Fontana quando la manifestazione di protesta ha preso il via, ci sono state delle tensioni tra manifestanti no green pass e i giornalisti. I manifestanti hanno urlato venduti alla stampa e hanno cercato di allontanarli anche con degli spintoni.

Alcune centinaia di persone sono scese in piazza a Napoli. I manifestanti hanno scandito slogan No green pass contro la misura che entrerà in vigore dal 6 agosto oltre a cori inneggianti alla libertà. Non ci sono striscioni o cartelli. La polizia, presente sul posto con un paio di blindati, vigila sulla manifestazione che si è  svolta in modo del tutto pacifico. Tra i manifestanti molti quelli che non indossano la mascherina, ma c’è anche chi la porta. Uno dei manifestanti, munito di megafono, ha parlato alla folla delle cure sperimentali come alternativa al vaccino; un lungo applauso quando è stato citato il premio Nobel Luc Montagnier, noto per le sue posizioni critiche sui vaccini.

Alcune centinaia di torinesi contrari al green pass si sono messi in coda oggi al gazebo allestito nei giardini Cesare Balbo da ItaliaExit, il partito politico di Gianluigi Paragone, per raccogliere firme contro il provvedimento voluto dal premier Draghi. Diamo voce – ha spiegato Ivano Ferra, candidato a sindaco di Torino per ItalExit – ad una fetta di società contraria a questo tipo di obbligo discriminatorio e spaventata da cosa sta succedendo. Persone non tutte contrarie al vaccino, ma tutte contro il green pass. Chi vuole vaccinarsi lo deve poter fare e in sicurezza, ovvero non in capannoni tipo carro bestiame e chi non vuole deve avere la possibilità di di non farlo.

Sono un’ottantina le città italiane in cui oggi è scesa in piazza la moltitudine che contesta le vaccinazioni estese e obbligatorie. Una iniziativa lanciata via internet che arriva a quarantotto ore dell’exploit di Torino, dove un No Paura Day è arrivato a raccogliere migliaia di persone e a riempire piazza Castello.

contestazioni, incidenti, manifestazioni, no green pass


Ezzelino da Montepulico


Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080