Olimpiadi Tokyo: squadra rifugiati, esordio disastroso. Solomon ultima nella carabina

TOKYO – La squadra dei rifugiati, ammessa dal Cio alle Olimpiadi, rispetta in pieno lo spirito di De Coubertin, l’importante è partecipare. Si è chiusa con un 50/o e ultimo posto, con il punteggio di 605.9 nelle eliminatorie, la prova di Luna Solomon, la ragazza del Team dei Rifugiati, originaria dell’Eritrea, allenata dall’olimpionico italiano Niccolò Campriani, nella gara della carabina 10 metri donne dei Giochi di Tokyo.

La ragazza ha cominciato a praticare il tiro soltanto due anni fa e il rinvio di un anno le ha permesso di essere presente a questa Olimpiade, visto che nel frattempo era anche diventata mamma. Raccontando gli inizi nel suo nuovo sport, Solomon aveva detto: «La prima volta che ho conosciuto il tiro sportivo è stato in Svizzera. Prima di allora, non sapevo nulla di questo sport».

Olimpiadi, Rifugiati, Tokyo


Paulo Soares

redazione@firenzepost.it

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080