Perugia: morta donna di Badia Tedalda per overdose, arrestato tunisino ritenuto responsabile di spaccio

PERUGIA – Ha permesso di identificare un tunisino accusato di avere ceduto, insieme a un complice, la dose che provocò la morte per overdose di una donna di 35 anni nell’aprile del 2020 a Badia Tedalda (Arezzo), l’indagine condotta dai carabinieri di Perugia contro lo spaccio di droga.
I militari del nucleo investigativo del reparto operativo del comando provinciale del capoluogo umbro hanno infatti dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di tre tunisini e un polacco, due dei quali già detenuti per altra causa.

Gli accertamenti, scattati dopo la morte della donna, hanno anche consentito di ricostruire quella che gli investigatori ritengono una fitta rete di spaccio di eroina, cocaina e cannabinoidi, a capo della quale è stato identificato un  tunisino arrestato che – in base alla ricostruzione accusatoria – coordinava le attività illecite, avvalendosi per lo spaccio su strada dei suoi tre complici. E’ stato accertato, inoltre, che il gruppo di spacciatori era in grado di gestire quantitativi di droga che venivano venduti giornalmente sulle “piazze” perugine e dei comuni vicini.
I quattro raggiunti dal provvedimento cautelare, risultati tutti già conosciuti dalle forze dell’ordine, devono ora rispondere di spaccio di stupefacenti in concorso, e uno dei tunisini anche di omicidio colposo e morte come conseguenza di altro delitto

arrestato, spaccio droga, tunisino


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080