Elezioni Roma: sondaggio Ipsos, avanti Michetti (36%), seguono Gualtieri (28,5%), Raggi (15,5%)e Calenda (14%)

Virginia Raggi, sindaca di Roma:(Foto ANSA)

ROMA – A cinque anni di distanza dal successo di Raggi a Roma  le valutazioni dei romani sull’amministrazione uscente sono molto severe: il 61% dà un giudizio negativo, contro il 37% che si esprime soddisfazione. Peraltro, le misure adottate dall’amministrazione comunale per contenere la pandemia sono state giudicate efficaci dal
59% dei cittadini (contro il 37% di critici).

E’ quanto emerge da un sondaggio di Ipsos Italia di Nando Pagnoncelli sul Corriere della Sera. Le priorità della città sono molte e particolarmente sentite, a partire dalla gestione dei rifiuti, menzionata da oltre un romano su due (56%), seguita dai trasporti pubblici e della viabilità (46%) e, più a distanza, dal decoro urbano (23%) e dall’occupazione (21%).
E anche a Roma, come nelle altre tre città analizzate nei giorni scorsi, prevale l’idea che la città dopo un anno e mezzo di pandemia sia più divisa (la pensa così il 58%) che unita (15%). In questo clima di diffuso scontento il voto ha un significato locale per il 46%, mentre il 37% lo considera un test che avrà riflessi sulla politica nazionale. E il desiderio di cambiamento è comprovato dall’elevato numero di candidati (22), di liste (39) e di aspiranti consiglieri
comunali (circa 1.800) che si presentano alla competizione elettorale.
Al momento il candidato del centrodestra Enrico Michetti con il 36% è stimato in vantaggio sul candidato del centrosinistra Roberto Gualtieri (28,5%); a seguire Virginia Raggi con il 15,5% e Carlo Calenda con il 14%. Gli altri candidati fanno registrare valori molto contenuti, per un totale del 6%, mentre gli indecisi di attestano al
32,8%.

Roma, sindaco, sondaggio


Ezzelino da Montepulico


Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080